Google Family Link: una nuova app per controllare lo smartphone dei figli

Google lancia un nuovo software per il controllo parentale a distanza degli smartphone Android. Ecco come funziona il nuovo software.

Il team di sviluppo di Mountain View ha lanciato quest’oggi una nuova applicazione, per il momento destinata al solo pubblico statunitense. La nuova app è chiamata Google Family Link. Il compito di questo nuovo software è quello di garantire il pieno controllo delle attività degli smartphone per i ragazzi al di sotto dei tredici anni.

Il sistema fonda il proprio funzionamento sulla base degli account Google, creando una sorta di account secondario, come quello di un normale indirizzo Gmail (stavolta di proprietà di un adulto). Per creare questo speciale account basta semplicemente installare la nuova app Google sullo smartphone che si intende controllare, indirizzando i dati alla casella Gmail del supervisore.

In tal modo, è data facoltà a quest’ultimo di ottenere il controllo delle applicazioni scaricate ed eventualmente vietarne l’installazione. Oltre questo, è possibile avere uno storico temporale sull’utilizzo delle applicazioni e dei giochi durante il giorno. Qualora i tempi di utilizzo si ritengano decisamente fuori norma, si può decidere di imporre un blocco orario ed uno sblocco programmato.Google Family Link

Come anticipato ad inizio post, la funzione si trova al momento nelle fasi di testing in territorio statunitense. Molto probabilmente passerà una ragionevole quantità di tempo prima di poterne saggiare le potenzialità anche qui da noi. Inoltre, è stato riferito che soltanto i sistemi Google equipaggiati con Androd Nougat sono compatibili, e che per poter ottenere l’applicazione gli utenti devono fare richiesta diretta a Google, che li inserirà nel relativo programma di testing.

Che cosa ne pensi di questa nuova soluzione di controllo parentale? Lasciaci pure tutte le tue personali considerazioni al riguardo.

LEGGI ANCHE: Samsung Family Care: arriva il nuovo sistema di controllo parentale


FONTE:
Approfondisci con: in ,