Google Corporation ha presentato le sue nuove proposte Hi-Tech per la telefonia mobile 2017 nel corso della Conferenza Stampa Ufficiale tenutasi lo scorso 4 Ottobre 2017, quando si è inaugurata la nuova era dell’innovazione made in Google basata sull’uso massiccio di tecnologie digitali ad auto-apprendimento basate su Intelligenza Artificiale.

Ad ogni modo, prima ancora dell’avvento delle nuove piattaforme Google Pixel Phone 2, il costruttore di Mountain View aveva annunciato le linee guida di cambiamento indotte dall’avvento dei nuovi ecosistemi operativi Android 8.0 Oreo che avevamo scoperto in anteprima con largo anticipo rispetto all’uscita dei nuovi terminali.

Nell’occasione si erano portati alla luce alcuni interessanti cambiamenti che avevano consentito di prendere le distanze dalle attuali piattaforme Android 7.0 Nougat ma, comunque, una feature molto interessante prerogativa esclusiva di queste nuove unità era rimasta inedita, almeno fino ad oggi.Google Pixel 2 no ingresso mini jack

Google Pixel 2 e Pixel 2 XL, di fatto, risolvono con Android 8.0 Oreo un problema piuttosto fastidioso portato all’attenzione dello sviluppatore dai feedback di numerosi utenti che, nello specifico, hanno lamentato l’impossibilità di procedere ad una regolazione fine dei livelli output volume in modalità multimedia.

Con l’avvento dei nuovi device e degli aggiornamenti Google alle proprie piattaforme gli utenti possono contare ora su ben 25 nuovi livelli di setting per l’uscita audio, dieci in più rispetto a quanto concesso con i loro diretti predecessori. Una modifica inedita, portata alla nostra attenzione dagli esperti sviluppatori indipendenti della nota community di XDA Developers che riferiscono di una feature esclusiva indirizzata a questa specifica categoria di terminali. 

Di fatto, secondo quanto emerso, si tratterebbe di un’ottimizzazione ad hoc che non vedrà la luce per le controparti Android abilitate al prossimo aggiornamento. In tal caso, la questione sarà da rimettere direttamente nelle mani dei vari sviluppatori indipendenti che applicheranno le successive personalizzazioni alla UI ed alle funzioni di sistema.

Il risultato di questa implementazione software si tradurrà quindi in un margine di controllo sui livelli di uscita nettamente migliorato rispetto a quanto visto in passato. Si tratta di un aspetto secondario che per quanto apparentemente poco importante riguarda un po tutti noi utilizzatori che, a mani basse, assistiamo a notevoli ritardi nel miglioramento di marginali ma sostanziali aspetti del sistema.Google Pixel 2 e Pixel 2 XL specifiche

Produttori come Samsung e OnePlus, di fatto, si sono già prodigati in passato nell’implementazione di un sistema simile che puntasse ad un aumento del numero di livelli di regolazione ma molti altri, invece, si sono strettamente attenuti al codice operativo standard del sistema, non provvedendo quindi ad un adeguamento specifico così come richiesto dalla clientela. Google, in questo caso specifico, risolve la questione offrendo un importante valore aggiunto che incrementa ulteriormente l’esperienza utente nel campo della multimedialità.

Per quanto concerne invece le impostazioni per i livelli audio dei canali delle notifiche e delle chiamate la situazione stanzia su livelli standard variabili da un minimo di 6 ad un massimo di 7 step. Al momento, infatti, pare che la situazione non sia mutata. Che sia necessario un successivo update software? Al riguardo, per il momento, non sappiamo dirvi di più.

Ciò che sappiamo, invece, è che in Italia si è conosciuto l’avvento dei nuovi Google Pixel 2 XL (la versione Standard non verrà commercializzata) a partire dallo scorso 12 Ottobre 2017 con spedizione da finalizzarsi entro i prossimi giorni per coloro che per primi riusciranno a prenotare le nuove unità.Google Pixel Phone 2

Stiamo parlando di dispositivi che puntano su un’esperienza Full-Stock per quanto concerne l’ambito operativo software che fa da contorno ad indiscutibili campioni del comparto mobile frutto di implementazioni ed innovazioni che gli sono valsi già titoli importanti nel panorama top di gamma.

Google, anche quest’anno, si è portata in linea con la sua nuova filosofia innovativa basata su un avveniristico futuro che vede le intelligenze artificiali al centro del mondo tecnologico. Perfetta l’integrazione del comparto camera, che è stato eletto quale migliore sistema di sempre nel contesto della telefonia mobile. Per concludere, eccovi un prospetto completo sulle specifiche tecniche dei rispettivi terminali.

Scheda Tecnica Completa Google Pixel 2 XLGoogle Pixel 2 display

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Optic AMOLED QHD+ Resolution 18:9 borderless con diagonale da 6 pollici @2880 x 1440p e densità in pixel di 538ppi con sistema Ambient Display Active e rivestimento protettivo made in Cornig per il Gorilla Glass Generazione 5

Processore: Octa-Core System Qualcomm Snapdragon 835 10 nanometri 64-bit (4 × 2.35 GHz Kryo & 4 × 1,9 GHz Kryo)

GPU: Adreno 540

Memoria RAM: 4GB LPDDR4X SD-RAM System

Memoria ROM: 64/128 GB con tecnologia UFS 2.1

Fotocamera Principale Posteriore: 12.2 Megapixel Single-Lens Technology con tecnologia di stabilizzazione ottica di immagine (OIS,) HDR e sistema di messa a fuoco automatica rapida laser @f/1.8

Fotocamera Secondaria Anteriore: 8 Megapixel a fuoco fisso e con apertura focale @f/2.4

SIM-Card: Formato Nano-SIM Single-Card

Connessioni: 4G LTE (supporto e-SIM), WiFi ac doppia banda 2.4GHz/5GHz, NFC, Bluetooth 5.0 LE ed USB 3.1 Type-C Gen.1 reversibile, GPS con GLONASS Geo-System e BeiDou System

Sensori: Luminosità ambientale, Proximity sensor, scanner biometrico per le impronte digitali posteriore, accelerometro, giroscopio, bussola, barometro, Active Edge System

Dimensioni: 157,9 x 76,7 x 7,9 mm

Peso: 175 grammi

Batteria: 3.520mAh non removibile con funzione di ricarica rapida (15 minuti di ricarica = 7 ore di autonomia)

Sicurezza: scanner intelligente integrato per le impronte digitali disposto sul retro, Resistenza Acqua e polvere secondo standard IP67

Funzioni Esclusive: Compatibilità Google DayDream VR

Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo Stock Version

Prezzo al lancio: €989

Scheda Tecnica Completa Google Pixel 2Google Pixel 2

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Optic AMOLED Full HD Standard a 538ppi 16:9 Resolution borderless con diagonale da 5 pollici @1920 x 1080p con sistema Ambient Display Active e rivestimento protettivo made in Cornig per il Gorilla Glass Generazione 5

Processore: Octa-Core System Qualcomm Snapdragon 835 10 nanometri 64-bit (4 × 2.35 GHz Kryo & 4 × 1,9 GHz Kryo)

GPU: Adreno 540

Memoria RAM: 4GB LPDDR4X SD-RAM System

Memoria ROM: 64/128 GB con tecnologia UFS 2.1

Fotocamera Principale Posteriore: 12.2 Megapixel Single-Lens Technology con tecnologia di stabilizzazione ottica di immagine (OIS,) HDR e sistema di messa a fuoco automatica rapida laser @f/1.8

Fotocamera Secondaria Anteriore: 8 Megapixel a fuoco fisso e con apertura focale @f/2.4

SIM-Card: Formato Nano-SIM Single-Card

Connessioni: 4G LTE (supporto e-SIM), WiFi ac doppia banda 2.4GHz/5GHz, NFC, Bluetooth 5.0 LE ed USB 3.1 Type-C Gen.1 reversibile, GPS con GLONASS Geo-System e BeiDou System

Sensori: Luminosità ambientale, Proximity sensor, scanner biometrico per le impronte digitali posteriore, accelerometro, giroscopio, bussola, barometro, Active Edge System

Dimensioni: 145,3 x 69,3 x 7,8-8,2 mm

Peso: 143 grammi

Batteria: 2.700mAh non removibile con funzione di ricarica rapida (15 minuti di ricarica = 7 ore di autonomia)

Sicurezza: scanner intelligente integrato per le impronte digitali disposto sul retro, Resistenza Acqua e polvere secondo standard IP67

Funzioni Esclusive: Compatibilità Google DayDream VR

Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo Stock Version

Prezzo al lancio: €799

Che cosa ne pensate delle nuove soluzioni top di gamma Google per il mercato smartphone di quest’anno? Spazio a tutte le vostre personali considerazioni al riguardo.