navigatore satellitare smartphone

Nel corso di questi ultimi anni l’utilizzo di soluzioni mobile come smartphone, tablet ed indossabili ha sostituito in via esclusiva l’uso di apparecchiature dedicate allo streaming audio-video, alla navigazione online, alla televisione e persino ai sistemi di navigazione digitale su strada, che in luogo della presenza di applicazioni Android ed iOS fruibili sia online che offline offrono la flessibilità di soluzioni aggiornate, semplici ed efficaci.

Le ultime proposte top di gamma del mercato smartphone, come i tanto acclamati Galaxy S8 e Note 8, offrono un layer più elevato di implementazione hardware con supporto alla ricezione dei segnali satellitari provenienti dai trasmettitori GLONASS, Beidu e Galileo.

Di fatto, offrono una precisione ed una velocità di aggancio e tracking senza eguali nel settore mobile. Ad ogni modo le cose stanno ulteriormente per migliorare, e le promesse di Broadcom in merito al rilascio di un nuovo ed avanzatissimo chipset fanno ben sperare sul futuro di una tecnologia divenuta ormai di uso comune.GPS smartphone

In particolare si parla di un processore identificato come BCM47755, sviluppato in-house dal noto chipmaker Broadcom e voluto al preciso scopo di incrementare la fruibilità dei servizi di assistenza satellitare GPS con sistemi precisi al centimetro che mettano al primo posto il profilo conservativo dell’energia assorbita per il loro funzionamento. 

Grazie all’adozione integrata di un nuovo ricevitore con tecnologia GNSS a doppia frequenza la precisione aumenterà esponenzialmente offuscando l’operato delle attuali soluzioni a banda singola. Individuare con precisione la posizione di un veicolo su strada non sarà più un problema e le informazioni contestuali sul traffico e sulle previsioni rispecchieranno soluzioni con info in real-time che si pongono a margine di un utilizzo futuro più esteso, che tiene conto anche dell’applicazione delle più recenti tecnologie evolutive per gli ambienti di realtà aumentata. 

Un focus particolareggiato meritano i consumi indotti dall’utilizzo di queste nuove soluzioni GPS smartphone, che puntano a garantire un risparmio energetico netto del 50% rispetto alle soluzioni attualmente disponibili per il segmento mobile navigation.navigatore satellitare smartphone

Ovviamente risulta chiaro che l’utilizzo pieno di questo tipo di soluzioni debba richiedere un qualche tipo di adeguamento hardware per i sistemi di trasmissione satellitare. Infatti, per poter sfruttare appieno questo nuovo paradigma tecnologico di trasmissione dati avanzata i satelliti next-gen dovranno adeguare il proprio profilo tecnico prevedendo anche un loro aumento in numero. 

Attualmente si conta sul supporto ad una trentina di satelliti di nuova generazione, ma entro il 2020 si prevede l’integrazione di nuove unità fino al raggiungimento del numero stabilito di 45 nuovi impianti.

Voi che cosa ne pensate dei sistemi di navigazione satellitare smartphone? Li utilizzate frequentemente? Quanto risultano affidabili nell’uso quotidiano per i vostri spostamenti? Spazio a tutte le vostre testimonianze ed a tutte le vostre personali considerazioni al riguardo.

FONTE