Fino a questo punto del 2017 abbiamo potuto assistere ad una serie di miglioramenti sostanziali nel contesto del panorama di mercato delle soluzioni Smart Mobile Phone, sia per quanto riguarda il software sia per le proposte del comparto hardware portatosi ora avanti di un nuovo livello per mano di acclamate major society di fama internazionale come Samsung (Galaxy S8/S8+ Plus e Note 8), Apple (iPhone 8/iPhone 8 Plus ed iPhone X), LG (LG V30 ed LG G6) ed ultimamente anche Google che ha proposto un nuovo concept di innovazione condotto sul piano tecnico e funzionale dai nuovi Google Pixel 2 e da una serie di accessori correlati ad alto contenuto HI-Tech.

Ad ogni modo, mancano all’appello alcuni importanti protagonisti di primo piano nel settore delle telefonia mobile intelligente e, tra questi , vi è senz’altro Huawei che tra dieci giorni esatti si esibirà sul palcoscenico di Monaco con i suoi Huawei Mate 10, device le cui caratteristiche sono ormai risapute e di certo apprezzate da un pubblico che non attende altro che l’apertura del mercato di lancio.

Oltre le pure e semplici caratteristiche hardware, ad ogni modo, c’è anche chi si sbilancia a favore di quella che sarà la nuova dotazione software correlata ai terminali e relativa ad una distribuzione Google per le piattaforme mobile OS di Android 8.0 Oreo, impreziosite dalle rifiniture grafiche da conferirsi grazie all’applicazione del livelli Interfaccia Emorion UI versione 6.0 che porteranno inoltre nuovi layer funzionali che faciliteranno l’interazione nel quotidiano.

Ad intervenire in merito alla faccenda sono stati i membri del noto forum online degli sviluppatori XDA Developers, i quali hanno voluto mettere mano ad una build provvisoria EMUI 6.0 che secondo quanto quanto riferito dovrebbe debuttare in esclusiva proprio con i terminali della linea Mate 10.

In particolare, questa build unofficial è destinata al momento ai device della generazione attuale Mate 9 e discende dal circuito di beta testing privato della società stessa che, a ragion veduta, non ha concesso il pacchetto pubblico per il download.

Basata come già detto su Android 8.0 Oreo, la nuova build include chiaramente tutti i previsti miglioramenti introdotti dalla release pubblica in versione stock, come la modalità PiP (Picture-in-Picture), i canali di notifica, un nuovo sistema ristrutturato e riorganizzato per la gestione degli applicativi in background e tutte le altre novità che abbiamo già preso in esame in anteprima a seguito della presentazione ufficiale Google delle scorse settimane.Huawei EMUI 6.0 Android 8.0 Oreo

Accanto alle migliorie applicate di default dallo sviluppatore di Mountain View per il suo prodotto troviamo ovviamente una serie di aggiunte provenienti dal lavoro e dalle ottimizzazioni corrisposte dal team di sviluppo Huawei che consistono in:

  • Opzione Modifica Risoluzione: Trattasi della naturale evoluzione funzionale della relativa opzione già presente nel contesto della EMUI 5.0 basata su distro Android Nougat. Attraverso un setting adeguato, in tal caso, è possibile scendere ad un compromesso tra aspetto qualitativo e dettaglio immagine a schermo ed autonomia generale nell’utilizzo quotidiano. 
  • Sistema di Navigazione Rinnovato: La barra di navigazione nel footer di schermata consente ora di celare la visualizzazione della stessa attraverso un pulsante apposito che provvede ad occultarla alla vista quando non necessaria. 
    Trattasi di una modalità immersive-mode che riprende in tutto e per tutto le forme degli adeguamenti Samsung per la sua Experience UI su Galaxy S8 e Note 8. In tal caso, sarà possibile richiamare in qualunque momento la Navigation Bar facendo uno swipe dal basso verso l’alto. Tra l’altro, l’utilizzo della Nav Bar può essere totalmente omesso in luogo di un nuovo sistema flottante gestibile tramite gesture ed ora ulteriormente ottimizzato rispetto a quanto visto con EMUI 5.0 lo scorso anno.
  • Bluetooth:  Nelle Opzioni Sviluppatore è possibile ora scegliere le varie codifiche Bluetooth ((APT-X, APT-X HD…), sebbene la funzione non sembri ancora funzionare correttamente. Di fatto, allo stato attuale, anche selezionando un codec diverso si viene rimandati a quello standard (livello SBC).

Mantenendoci sempre in ambiente software ma traslando il discorso su un altro piano si osserva anche l’applicazione delle ultime patch di sicurezza relative al mese di Settembre 2017 con supporto ai sistemi anti-Blueborne. Il Kernel Linux, invece, giunge alla revisione 4.4 aggiornandosi dalla vecchia versione 4.1 Nougat applicata alle soluzioni Mate 9.

I file in allegato al thread ufficiale riportano piena compatibilità con il supporto Project Treble, ovvero sia quel sistema che a breve garantirà l’applicazione dei criteri di modularità dei sistemi che potranno condurre alla possibilità di eliminare l’inconveniente della frammentazione Android al fine di ottenere supporto ai major update per 6 anni consecutivi, così come già discusso all’interno di un post davvero interessante con focus sul nuovo argomento.

Si tratterà di un progetto da portarsi avanti nel futuro, in un momento non ancora meglio precisato del tempo. I nuovi riferimenti, di fatto, sono il primo segnale concreto di cambiamento ed adeguamento alla modularità che porterà gli ecosistemi Android sullo stesso piano delle piattaforme iOS per la gestione degli update. Per finire, segnalato anche il supporto a Substratum, ovvero sia il Theme Engine preferito dai modder che già hanno modo di testarlo in ambiente Pixel Phone e Google Nexus.Huawei EMUI 6.0 Interfaccia Grafica Substratum

Huawei Mate 10 non sarà soltanto uno smartphone in grado di competere in tutto e per tutto con i rivali sul piano delle prestazioni, ma offrirà anche il valore aggiunto di un importante ed atteso miglioramento software che contribuirà a portare la società cinese in cima alle classifiche di preferenza del settore vendite smartphone che, al momento, la inquadra in seconda posizione dietro Samsung.

Cosa conta di introdurre Huawei Technologies con i suoi nuovi top di gamma? Scoprilo consultando subito la scheda tecnica provvisoria dei device in attesa di un intervento ufficiale che si concretizzerà pubblicamente il prossimo 16 Ottobre 2017. 

Scheda Tecnica Provvisoria Huawei Mate 10 StandardHuawei Mate 10

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Quad-HD Resolution borderless con diagonale da 5.99 pollici con rivestimento protettivo dello schermo su aspect ratio 18:9 a sviluppo verticale

Processore: Octa-Core System Huawei Kirin 970

Memoria RAM: 4GB/6GB LPDDR4 System

Memoria ROM: 64/128/256GB

SIM Card: Formato Nano-SIM

Batteria: 4.200mAh non removibile

Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo con supporto alle personalizzazioni proprietarie Huawei EMUI 6.0

Le configurazioni ed i relativi listino prezzi resi disponibili dal costruttore rispecchiano quanto segue:

  • 4GB RAM + 64GB ROM= $650
  • 6GB RAM + 128GB ROM= $744
  • 6GB RAM + 256GB ROM= $850

Scheda Tecnica Provvisoria Huawei Mate 10 ProHuawei Mate 10 Pro render evleaks

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Quad-HD Resolution borderless con diagonale da 6 pollici con rivestimento protettivo dello schermo su aspect ratio 18:9 a sviluppo verticale 

Processore: Octa-Core System Huawei Kirin 970

Memoria RAM: 6GB/8GB LPDDR4 System

Memoria ROM: 64/128/256GB

SIM Card: Formato Nano-SIM

Batteria: 4.200mAh non removibile

Plus: Certificazione di protezione standard IP67 

Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo con supporto alle personalizzazioni proprietarie Huawei EMUI 6.0

Le configurazioni ed i relativi listino prezzi resi disponibili dal costruttore rispecchiano quanto segue:

  • 6GB RAM + 64GB ROM= $835
  • 6GB RAM + 128GB ROM= $941
  • 6GB RAM + 256GB ROM= $1042
  • 8GB RAM + 256GB ROM= $1138

Scheda Tecnica Provvisoria Huawei Mate 10 LiteHuawei Mate 10 Lite

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch Flat IPS LCD System Full-HD+ Resolution con diagonale da 5.9 pollici borderless aspect ratio 18:9 @2160x1080p e rivestimento protettivo in vetro per il frontale

Processore: Octa-Core System Huawei Kirin 659 (2x Quad-Core Cortex A53 @2.36GHz + 2x Quad-Core Cortex A53 @1.7GHz)

GPU: MaliT830-MP2

Memoria RAM: 4GB LPDDR4 System

Memoria ROM: 64GB con previsto slot di espansione per l’ampliamento di memoria tramite microSD Card

SIM Card: Formato Nano-SIM

Fotocamera Principale Posteriore: 16+2 Megapixel Leica Lens Solution con tecnologia di stabilizzazione ottica di immagine (OIS), HDR e sistema di messa a fuoco laser automatica @f/1.6 con zoom ottico 2X e supporto al Led Flash Dual-Tone

Fotocamera Secondaria Anteriore: 13+2 Megapixel Dual-Lens Technology

Batteria: 3.340mAh non removibile

Dimensioni: 156.2 × 75.2 × 7.5 mm

Peso: 164 grammi

Sistema Operativo: Android 8.0 Oreo nativo con supporto alle personalizzazioni proprietarie Huawei EMUI 6.0

A tuo avvisto quale sarà la migliore proposta smartphone di questo 2017? Resta sintonizzato per scoprirlo e lascia pure qui un tuo personale commento.

FONTE