Huawei MateBook X

Il costruttore cinese Huawei Technologies amplia la pletora di prodotti per la linea MateBook di quest’anno, introducendo tre nuovi modelli accomunati dalla presenza dei sistemi operativi Microsoft Windows 10.

Due di queste varianti avranno modo di essere commercializzate qui i Italia, dove si potrà garantire una sana ed onesta competizione con le proposte top di gamma Apple ed Asus per i loro MacBook e ZenBook UX390. Stiamo parlando dei nuovi Huawei MateBook X e MateBook E. Nei mercati esteri, inoltre, si potrà conoscere anche la versione MateBook D.

Huawei MateBook X – Il nuovo ibrido top di gammaHuawei MateBook X

Il più interessante dei modelli proposti è senz’altro il MateBook X, un ultrabook che al costo di €1.399 offrirà le potenzialità di uno schermo da 13 pollici risoluzione 2K @2160 × 1440 pixel ed un processore Core i5-7200U affiancato da un comparto memoria da 8/256GB per RAM e memoria interna.

Tutto questo in uno chassis dalle dimensioni fortemente contenute (286 x 211 x 12,5 mm) e dal peso di appena 1050 grammi. Oltre queste prime varianti, la società cinese metterà a disposizione del pubblico anche un modello di fascia superiore, equipaggiato con una dotazione di Core i7 da affiancare ad un’unità di storage da 512 GB SSD Drive, per il quale se ne disconosce ancora il listino prezzi di riferimento.

Un aspetto che fa sicuramente gola a tutti gli utenti è quello relativo alla presenza di un sistema totalmente fanless, ovvero privo di ventole. In questo caso, il comfort di utilizzo e la totale assenza di rumore si devono all’implementazione della tecnologia Phase Change Material, utilizzata in ambito aerospaziale per la dispersione intelligente del calore.

In aggiunta a questo aspetto primario, il nuovo ultrabook Huawei garantisce la piena compatibilità con lo standard Dolby Atmos Sound System, fornendosi di un sistema stereo di altoparlanti realizzato in collaborazione con Dolby Audio Technologies. Il suono, in questo caso, è pieno, corposo e decisamente incisivo.

Un’altra peculiarità dei nuovi sistemi è rappresentata inoltre dalla presenza del nuovo sistema intelligente per la scansione biometrica delle impronte digitali, direttamente ereditato dall’esperienza mobile degli smartphone Huawei. Massima reattività e sicurezza, dunque, garantita dalla presenza di un sensore coordinato al pulsante di accensione che si affianca alla possibilità di sfruttare le potenzialità di sicurezza fornite dall’utility Windows Hello per il riconoscimento facciale dell’utente.Huawei MateBook X connettività

In quanto alla connettività, MateBook X porta con se una porta USB Type- C reversibile su entrambi i lati corti della base. Per quanto riguarda l’alimentatore, inoltre, è possibile osservare come Huawei abbia garantito l’interoperabilità del componente con tutti i suoi device mobile, siano essi smartphone o tablet. Non mancano anche i sistemi wireless per la connettività Bluetooth in versione 4.1 ed il WiFi ac.

La docking station con sistema di connessione HDMI per i monitor si affianca anche ad uno slot VGA, alla porta USB Type-A e ad una ulteriore USB Type-C- Come già indicato in fase di apertura, il sistema operativo sarà Windows 10 Home nella versione a 64 bit. La commercializzazione del nuovo terminale dovrebbe avviarsi sul finire del prossimo mese di Giugno 2017 anche in Italia.

Huawei MateBook E – Spazio alla seconda generazioneHuawei MateBook E

MateBook E si propone quale diretto successore dell’attuale 2-in-1 della compagnia cinese, rispetto al quale presenta una serie di ottimizzazioni e miglioramenti notevoli sotto molti punti di vista.

In primo luogo si osserva la presenza di una nuova cerniera regolabile, in grado di rendere il sistema flessibile e più stabile rispetto al modello di precedente generazione. Le dimensioni di 278,8 x 194,1 x 6,9 mm realizzano un device dal peso davvero trascurabile (640 grammi modalità tablet e 1.100 grammi con tastiera) e perfettamente allineato al modello attuale.

La tastiera rappresenta la prima grande novità di questa nuova line-up di prodotti, e realizza un sistema di digitazione più comodo rispetto al precedente. La configurazione per lo schermo prevede l’implementazione di un’unità IPS Touch con diagonale da 12 pollici e risoluzione d’uscita @2160 x 1440 pixel.

In dotazione, non manca neanche una fotocamera frontale da 5 Megapixel ed un comparto potenza che conta sull’azione dei processori Intel Core m3-7Y30 o Core i5-7Y54, da abbinare a quantitativi di RAM da 4 o 8GB con sistemi di archiviazione integrati da 128, 256 e 512GB in tecnologia SSD.

L’unico aspetto negativo di questo nuovo terminale? Senz’altro la connettività, che prevede la presenza di una sola interfaccia USB Type-C.Huawei MateBook E connettività

Il nuovo terminale verrà rilasciato nelle previste varianti colore grigio e oro, ad un prezzo consigliato di €1.199. Allo stato attuale, l’unica configurazione prevista per il mercato italiano è quella relativa alla CPU Core i5-7Y54 con 4 GB di RAM ed SSD da 256 GB.

Huawei MateBook D – Lo vedremo anche in Italia?Huawei MateBook D

Il MateBook D, come già riferito, non vedrà il suo esordio in Italia, almeno per il momento. Si tratterà, comunque, di un device che offre un display da 15.6 pollici, uno chassis in lega di alluminio ed altoparlanti stereo integrati Dolby Atmos, del tutto simili a quelli già visti per MateBook X.

Il display rispecchierà le sembianze di una modesta unità con risoluzione Full HD @1920×1080 pixel, CPU Core i5 o i7 e una serie di implementazioni diversificate per il comparto memoria RAM ed archiviazione.

Inoltre, sarà possibile optare anche per l’utilizzo di una scheda grafica dedicata, sebbene si rientri sempre nel contesto delle proposte entry-level (molto probabilmente una GeForce 940MX), il che significa che ci troveremo di fronte ad un prodotto non espressamente votato all’utilizzo in ambienti videoludici.

Che cosa ne pensate delle nuove proposte Huawei per il mercato degli ultrabook di quest’anno? Ti saresti aspettato un ulteriore passo in avanti? Spazio a tutti i vostri commenti ed a tutte le vostre considerazioni al riguardo.

FONTE