Come il cervello si forma

Nel corso dell’ultimo decennio, i programmi di brain-training sono cresciuti in popolarità. E questo nella speranza, per le persone, di migliorare le loro abilità cognitive attraverso le prestazioni di routine di vari “giochi del cervello”, che toccano funzioni cognitive come la memoria, l’attenzione e la flessibilità cognitiva.

Un recente studio dell’Università della Pennsylvania ha scoperto che non solo il brain-training non abbia alcun effetto sul processo decisionale, ma pare non abbia avuto neppure alcun effetto sulla funzione cognitiva oltre a quelli pratici sui compiti di addestramento.

Cercando le prove riguardo la riduzione delle probabilità che le persone si impegnino in comportamenti malsani come il fumo o l’eccesso di cibo, un team di ricercatori ha esaminato se, attraverso il preteso effetto benefico sulla funzione cognitiva, il cervello e il suo programma di formazione potessero ridurre la propensione dei singoli a fare scelte rischiose o impulsive.

Come il cervello si forma

Lavori precedenti avevano dimostrato che l’impegno dei circuiti del cervello coinvolti nell’autocontrollo prevedono il caso in cui le persone possono astenersi dal fumo. Questo studio ha fornito le basi per esaminare se modulare tali circuiti attraverso la formazione del cervello e se effettivamente potrebbe portare a un cambiamento di comportamento.

I ricercatori ora sono a conoscenza del fatto che le persone con abilità cognitive più forti tendono a prendere decisioni meno impulsive. Questo comportamento è probabilmente mediato da una serie di strutture cerebrali nell’area prefrontale dorsolaterale del cervello, associate alle prestazioni sulle funzioni di esecuzione.

I ricercatori hanno reclutato due gruppi, ciascuno formato da 64 giovani adulti sani. A un gruppo è stato chiesto di seguire il regime Lumosity, uno di questi programmi di formazione, eseguendo giochi di funzioni esecutive per 30 minuti al giorno, cinque giorni alla settimana per 10 settimane. L’altro gruppo ha seguito lo stesso programma ma ha giocato ai videogiochi online. Per valutare i processi decisionali impulsivi, i partecipanti sono stati invitati a scegliere tra premi più piccoli e maggiori.

Si è scoperto che la formazione non ha indotto un cambiamento nell’attività cerebrale o nel processo decisionale durante questi compiti. Sebbene la formazione cognitiva di per sé non abbia prodotto i vantaggi desiderati, i risultati iniziali del laboratorio dimostrano che la combinazione di esercizi cognitivi con la stimolazione cerebrale non invasiva aumenta l’autocontrollo sul comportamento del fumo. Questo gruppo sta ora conducendo studi clinici per sapere se questo approccio di combinazione può alterare altri comportamenti rischiosi come il mangiare sano o migliorare l’attenzione e il controllo dell’impulso in persone con disordine di iperattività di deficit di attenzione.

Comportamenti abituati come l’uso del tabacco e l’eccesso di cibo“, ha dichiarato Mary Falcone, ricercatore senior della Penn e coautore dello studio, “contribuiscono a morti prevenibili da cancro, malattie cardiovascolari e altri problemi di salute pubblica“.

In futuro, si spera di utilizzare alcuni dei dati raccolti in questo studio per comprendere meglio le differenze di interdipendenza tra i processi decisionali nel tempo, ovvero perché una persona sia più paziente in un dato momento e più impulsiva in altri.

 

I risultati sono stati pubblicati su Journal of Neuroscience.