Iceberg in Antartide: il suo distacco non è stato causato dai cambiamenti climatici

Gli iceberg che si staccano in Antartide, anche il più ingombrante, di solito non preoccupano i glaciologi

Il fatto che l’enorme iceberg si sia staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide suona allarmante ed ha destante enorme preoccupazione. Ma ciò non significa che l’Antartide stia “cadendo a pezzi”. L’iceberg è relativamente piccolo. Il suo distacco non avrà alcuna conseguenza catastrofica, né è correlata ai cambiamenti climatici. Si tratta di un processo naturale che si accumula nel ghiaccio con le nevicate a un certo punto e poi ritorna verso il mare.

Almeno, questo è quanto sostengono gli scienziati, dopo le numerose teorie su cambiamenti climatici e riscaldamento globale che in questi giorni hanno infestato il web. Allarmismi? Può essere. Fattori naturali? Anche.

Ver imagen en Twitter
Ver imagen en Twitter

L’iceberg pesa più di 1 trilione di tonnellate. La rottura riduce l’area della piattaforma di ghiaccio di oltre il 12%. Anche se per gli scienziati è un fenomeno senza precedenti, ciò non ha creato una situazione di emergenza.

La più grande tragedia che potrebbe accadere sarebbe un collasso della piattaforma di ghiaccio, come è accaduto con la vicina Larsen B nel 2002. La piattaforma di ghiaccio Larsen B si disintegrò, alla fine, sette anni dopo un caso di separazione come quella cui stiamo assistendo ora. Infine, rassicurano gli scienziati, anche se diventa la destinazione di Larsen C, il mare e il suo livello solo a malapena potranno esserne colpiti.


Approfondisci con: in
FONTE: