cerchi-acqua

Il fotografo subacqueo Yoji Ookata ha trascorso 50 anni ad esplorare le profondità dell’oceano. Ma la vista di enormi e articolati disegni sottomarini che ricordano i cerchi nel grano celebrati dagli appassionati di UFO lo hanno comunque sorpreso.

Il “cerchio misterioso” – se di cerchio possiamo parlare sott’acqua – misura più di due metri di diametro e contiene intricati schemi di onde che si irradiano dal centro. Cosa o chi abbia potuto creare queste incredibili strutture situate a 80 metri sotto la superficie dell’oceano rimane un enigma. Ookata è tornato negli abissi con una troupe televisiva per scoprirlo.

Come rivelato nello speciale da lui seguito, dal titolo “La scoperta del secolo: Deep Sea Mystery Circle”, i disegni non erano stati prodotti da alieni o correnti subacquee ma da un piccolo pesce palla.

I pesci palla sono apprezzati in Giappone come una prelibatezza – meglio conosciuta in occidente come sashimi chiri – che può causare lieve intossicazione o, in rari casi, la morte a causa di una neurotossina incredibilmente potente trovata nelle ovaie e nel fegato del pesce. Ma, fino ad ora, nessuno sapeva che questi pesci fossero anche artisti.

cerchi-acqua

Ookata e la sua troupe video hanno osservato un piccolo pesce maschio che trascorreva i giorni a creare le onde circolari sul fondo del mare usando solo una pinna. Non si limitava a muovere la sabbia, ma il pesce introduceva effettivamente dei modelli nello schema, li spezzava e disperdeva lungo le onde interne della creazione. 

Benché belli, questi “cerchi misteriosi” servivano anche a uno scopo: attiravano le femmine che si accoppiano con il maschio e deponevano le uova al centro del cerchio. Gli scienziati della missione teorizzano che le uova sono effettivamente protette dalle onde e dai motivi artistici, che neutralizzano le correnti e le rendono meno sensibili ai predatori.

Il team ha osservato diversi pesci palla creare queste strutture e ha scoperto un altro elemento chiave del mistero: i maschi che creavano cerchi più intricati attraevano la maggior parte delle femmine.