Instagram spinge più influencer nell’adottare il suo nuovo formato di post sponsorizzati

Instagram amplia il suo strumento di sponsorizzazione dei post ad altri utenti

Negli ultimi mesi, Instagram ha ampliato le potenzialità del suo servizio lanciando diverse funzionalità molto interessanti. Ad esempio, attraverso le Storie, che ormai spopolano sul social network fotografico, è possibile creare dei veri e propri sondaggi dove soltanto chi li pubblica può vedere il nome e la risposta dei votanti.

Tuttavia, Instagram ha esteso, nelle ultime ore, il roll-out di un particolare strumento che permetterà alle persone più famose della piattaforma social di identificare i post pagati dagli inserzionisti.

instagram tool sponsorizzazione

Instagram: lo strumento dei post a pagamento esteso a più utenti

L’azienda ha introdotto per la prima volta lo strumento a giugno e successivamente lo ha reso disponibile a più account da agosto. Instagram, inoltre, ha stabilito un’altra regola. Questa riporta che tutti i contenuti sponsorizzati siano pubblicati utilizzando tale strumento. In particolare, il social network sfrutta questo tool per creare un formato standardizzato per i post a pagamento.

Tuttavia, lo strumento risulta particolarmente utile anche per i pubblicisti per scoprire i dati relativi alle performance di un post. Nelle ultime ore, Instagram ha rivelato che sta rendendo disponibile il tool ad altri account che hanno accesso ai dati Insights. Purtroppo, l’azienda non ha rivelato quanti account sono coinvolti nel roll-out. Instagram ha confermato, in aggiunta, che invierà una notifica agli account che hanno pubblicato dei contenuti sponsorizzati senza utilizzare tale strumento.

instagram tool sponsorizzazione

Una volta avvisati, questi avranno la possibilità di contrassegnarli come post sponsorizzati. La società spiega che le notifiche renderanno più facile l’utilizzo delle cosiddette “Paid partnership with” tramite all’ausilio di tag e inoltre avranno lo scopo di educare l’intera comunità di Instagram.

Purtroppo non sappiamo se lo strumento sarà accessibile anche qui in Italia oppure se, per ora, riguarda soltanto un’esclusiva del mercato statunitense. Sicuramente, questo particolare tool permetterà agli utenti di individuare facilmente i post sponsorizzati e inoltre consentirà di capire alle società stesse le performance di ogni contenuto a pagamento pubblicato.


Approfondisci con: in
FONTE: