iPhone X rappresenta il surplus tecnologico made in Apple per i device appartenenti al comparto mobile phone top di gamma, sebbene Samsung non la pensi certo allo stesso modo. Parliamo comunque di un telefono da ben $1.000 nella sua versione base per la quale, in considerazione dell’esclusiva top-level solution di comparto, ci si aspetta quantomeno un grado di resistenza adeguato agli stress fisici esterni che possono potenzialmente comprometterne l’integrità e la normale operatività quotidiana. 

L’azienda californiana di Cupertino ha dovuto modularsi ad alcuni adeguamenti specifici alla struttura fisica e di design del device che, a fronte dell’implementazione delle ultime tecnologie di ricarica wireless Qi Standard, ha dovuto necessariamente prevedere l’adozione di un profilo in vetro per la backcover che si accompagna a frame in alluminio per la salvaguardia dell’integrità dei bordi.

Un device esteticamente curato, non c’è che dire. Ma come si è comportato nei test di resistenza che seguitano quelli inizialmente previsti dal noto JerryEveryThing per le unità iPhone 8 parallele? Scopriamolo prendendo in esame il lavoro svolto dai tester iPhone X.

iPhone X resistenza: Considerazioni prima della prova

Prima di porre alla vostra attenzione il resoconto dei test facciamo presente che la gestione della garanzia extra-Apple Care+ Plus è decisamente più onerosa rispetto al passato delle soluzioni iPhone 7 ed iPhone 7 Plus. Un display rotto vi verrà a costare fino a €280, mentre il profilo posteriore in vetro porta la spesa a ben €500 ed oltre. 

In tal caso, per danni accidentali o problemi di sorta derivanti da una non corrette ingegnerizzazione ed implementazione delle componenti da parte del personale Apple, si consiglia di sottoscrivere un’assicurazione Apple Care+ Plus al costo di circa €200. Detto questo, ci sarà da preoccuparsi per l’incolumità del nostro device? Converrà davvero sottoscrivere Apple Care+ Plus? Scopriamolo subito.

iPhone X: Test di graffioiphone-x-scratch-test

Chiavi, monete ed oggetti acuminati possono ledere la continuità della scocca portando a difetti estetici e, in casi limite, a malfunzionamenti hardware che rendono inoperabile il device. La presenza di unità OLED Screen curvi ai lati, in questo caso, non aiuta certo a garantire una migliore immunità agli stress da contatto, sebbene il telaio laterale inossidabile in sostituzione dell’alluminio delle generazioni precedenti dovrebbe garantire un miglior margine di protezione. Sarà così?

I test hanno previsto l’esposizione a chiavi e monete. Due situazioni espositive potenzialmente comuni nel quotidiano utilizzo dei nostri telefoni. Per i test sono state utilizzate due versioni iPhone X, quella argentata e quella grigia, al fine di valutare l’eventuale impatto negativo sulla perdita di colore. Lo strofinio delle chiavi al vetro del telefono ed ai profili con pressione media non ha prodotto danni tangibilmente visibili in ambedue le casistiche.

La stessa cosa non è avvenuta nel test della carta-vetro sul display che ha provocato segni evidenti di deterioramento con particolare riferimento alla versione Space Gray. Basso, invece, è stato l’impatto sul frame laterale che non ha lasciato segni visibili.

La parte posteriore del telefono, invece, è risultata essere decisamente più incline al deterioramento, che si è manifestato già nella fase pre-test che ha visto il semplice posizionamento dei device su una superficie per l’esecuzione dei test frontali. Ad ogni modo, nonostante ciò, il test sul profilo posteriore ha evidenziato il medesimo andamento di quello portatosi avanti per il front-screen.

iPhone X: Test di caduta

I test di caduta condotti sperimentalmente dal team di analisi si sono fondati su due differenti situazioni ad altezze simili. Il primo test ha previsto la caduta del terminale sul posteriore, mentre il secondo si è concentrato sulla parte anteriore, tenendo conto di un’altezza approssimativa di circa 1 metro.

Il primo test sperimentale di caduta iPhone X ha reso protagonista il device di un colpo rovinoso sul posteriore e di una successiva caduta di fianco che ha portato il device letteralmente “a faccia in giù”. Il danno è stato evidente fin da subito e tre dei quattro angoli del telefono hanno riportato seri danni ed una lesione del modulo camera posteriore. iphone x-drop-test-posteriore

L’angolo in basso a destra è stato quello maggiormente esposto ed ha riportato un’enorme frattura. Anche l’acciaio inossidabile parte del telaio esterno ha subito segni evidenti di rottura così come tutto il lato sinistro del device. Decisamente male per essere soltanto il primo test. Come sarà finita con il secondo?

La seconda prova ha visto protagonista il profilo frontale del display ed una rottura piuttosto importante nel footer dello stesso, dove si sono notate fin da subito delle crepe evidenti che si sono unite a quelle dovute alla prima caduta. Un tocco sulla parte lesa e tutto il blocco ha iniziato a sfaldarsi rilasciando pezzettini di vetro e display.iphone-x-drop-test-frontale

A schermo spento è stato poi possibile notare una frattura capillare che dall’angolo in basso a sinistra correva lungo tutta la parte superiore del telefono in linea trasversale. Tutto ha continuato a funzionare normalmente, ma il danno estetico è stato evidente.

iPhone X Stress Test: Verdetto

iPhone X pare gestire bene gli stress esterni da caduta e da esposizione a materiali che ne possono compromettere l’integrità strutturale, sia per quanto riguarda il pannello frontale in vetro che quello laterale equipaggiato con una solida struttura in acciaio inossidabile che non solo conferisce bellezza estetica ma anche solidità generale e quindi resistenza.

Per quanto concerne in risultati portati avanti dai tester si sono anche avute conferme da parte di Apple sulla bontà dei loro prodotti e si test ivi descritti, che seguitano quelli condotti internamente ad Apple prima del lancio sul mercato di distribuzione di massa. Sulla base dei risultati, la compagnia ha commentato che:

“Il nuovo iPhone è stato progettato per essere resistente, ma non indistruttibile, e passa attraverso rigorosi test del mondo reale.Il iPhone X è costituito dal vetro più resistente mai avuto su uno smartphone, con uno strato rinforzato più profondo del 50% rispetto agli standard. Il tutto usando il nostro processo di doppio scambio di ioni, ulteriormente integrato e rinforzato da una struttura interna saldata a laser, acciaio e rame, e con fascia in acciaio inox che avvolge e rafforza iPhone X grazie ad una speciale lega progettata da Apple che garantisce durevolezza e bellezza estetica. iPhone X può danneggiarsi, e pertanto suggeriamo di utilizzare uno dei tanti bellissimi case disponibili al fine di proteggerlo in modo adeguato”

Soddisfatti del nuovo iPhone X? Vi sareste aspettati di più da un telefono decisamente molto costoso? Che cosa offre, in definitiva questo smartphone? Scoprilo dalla scheda tecnica e lascia pure qui una tua personale interpretazione di test e le tue opinioni sulla questione. 

Scheda Tecnica Completa Apple iPhone X

iPhone X confezione vendita

 

Display: Pannello Capacitivo Multi-Touch OLED Screen True Tone Super Retina HD Resolution borderless con diagonale da 5.85 pollici @1125 x 2436 pixel e densità di punti di 459ppi con rivestimento protettivo in vetro anti-graffio, supporto alla gamma cromatica estesa P3 ed all’HDR 10/Dolby Vision e 3D Touch System

Processore: Exa-Core System Apple A11 Bionic con architettura a 64-bit (2x Monsoon + 4x Mistral) + Co-Processore Matematico M11

GPU: Tri-Core proprietaria

Memoria RAM: 3GB

Memoria ROM: 64/256GB non espandibile 

SIM Card: Formato Nano-SIM

Fotocamera Posteriore: 12 Megapixel con tecnologia di stabilizzazione ottica di immagine (OIS), HDR e sistema di messa a fuoco automatica @f/1.8, zoom ottico 2X, Flash LED Quad-Tone e sistema di messa a fuoco a rilevazione di fase. Modalità video fino a 240fps @1920x1080pixel e 24/30/60fps in 4K

Fotocamera Secondaria Anteriore: 7 Megapixel con FF @f/2.2 con supporto HDR

Connessioni: 4G LTE, WiFI ac doppia banda 2.4GHz/5GHz, NFC (limitato ad Apple Pay), Bluetooth 5.0 e Lightning Port, GPS con GLONASS Geo-System, BeiDou System e Galileo GPS

Sensori: Luminosità ambientale, Proximity sensor, Face ID, accelerometro, giroscopio, bussola

Dimensioni: 143.6 x 70.9 x 7.7 mm

Peso: 174 grammi

Batteria: non removibile con funzione ricarica rapida Fast Charging (50% in appena 30 minuti) ed autonomia di 60h in riproduzione musicale e 21h di comunicazione 3G

Sicurezza: scanner 3D IR Blaster intelligente integrato per il volto con True Depth Technology, Certificazione di impermeabilità secondo standard IP68 (30 minuti di esposizione ai fluidi in immersione per profondità massime di 1,5 metri)

Funzioni Esclusive: Apple Pay Support (Visa, MasterCard, AMEX certified), Assicurazione opzionale AppleCare+

Sistema Operativo: iOS 11

Data Uscita: 27 Ottobre 2017 (pre-order); 30 Novembre 2017 (retailer)

Prezzo di lancio USA: $1.000 (variante 64GB); $1.600 (variante 256GB)