I ricercatori hanno rilasciato la mappa più precisa mai prodotta della materia oscura nel nostro Universo. Il team ha analizzato più di 26 milioni di galassie nello studio più grande del suo genere.

La mappa aiuterà gli scienziati a capire di cosa la materia scura sia fatta e saperne di più su un altro fenomeno misterioso, chiamato energia scura. I risultati sono stati rilasciati dal consorzio internazionale Dark Energy (DES).

Secondo il professor Ofer Lahav del University College London (UCL) e presidente del consiglio consultivo del DES, la mappa fornirà nuove conoscenze su come funziona l’universo. “L’energia oscura e la materia oscura rappresentano probabilmente uno dei più grandi misteri del mondo della scienza. E questo ha generato un grande interesse in tutta la scienza perché è un grande mistero e, in realtà, non sappiamo ancora cosa sia”, ha dichiarato Lahav.

Gli scienziati hanno sospettato che ci sia più materiale nell’Universo di quanto possiamo osservare per più di 80 anni. Il movimento delle stelle e delle galassie indica che l’Universo è anche costituito da particelle invisibili chiamate materia oscura.

Nel 1998, due team di astronomi scoprirono che l’espansione dell’Universo stava accelerando anziché rallentare, come suggeriva la teoria al momento. I fisici hanno ipotizzato che l’accelerazione sia stata causata da qualcosa che chiamano energia scura. Da allora, le osservazioni hanno indicato che l’energia oscura e la materia oscura insieme rappresentano il 96% dell’Universo. La sfida è stata quella di trovare modi possibili ed esaustivi per studiare in dettaglio questi fenomeni invisibili. “Non possiamo solo dire che non sappiamo di cosa si tratta, dobbiamo fare uno sforzo per vedere quello che è”, secondo il professor Lahav.

L’indagine sull’energia scura è lo sforzo più ambizioso fino ad oggi. È iniziata nel 2004 e coinvolge 400 scienziati provenienti da 26 istituzioni in sette paesi. Il sondaggio prevede di scattare foto di 26 milioni di galassie in una grande distesa del cielo usando il telescopio Blanco, in Cile. Per fare questo, il team di ricerca ha dovuto costruire una delle telecamere più sensibili mai sviluppate. La fotocamera da 570 megapixel è in grado di rilevare la luce dalle galassie che si trovano a otto miliardi di anni luce anni. Studiando il modo in cui la luce è stata distorta dalla materia oscura che interviene, i ricercatori sono stati in grado di calcolare la sua distribuzione. E studiando il modo in cui la distribuzione cambia nel tempo, possono calcolare il modo in cui l’energia oscura agisce su di essa.

Il team ha dedotto le quantità di energia oscura e di materia oscura dalla densità e dalle posizioni delle galassie. I risultati mostrano sostegno a studi precedenti che indicano che l’Universo è costituito dal 4% di materia ordinaria, il 26% di materia oscura e il 70% di energia oscura.

Mappata la materia oscura

La speranza è che uno studio dettagliato della mappa darà indicazioni su ciò che la materia oscura e l’energia oscura potrebbero essere e, quindi, portare a una teoria più completa della fisica. I dati rilasciati attualmente si basano su un solo anno di osservazioni. I ricercatori prevedono di raccogliere dati per altri quattro anni su un’area ancora più grande del cielo. Il Prof. Lahav dice che c’è molto di più da fare. “Una volta che abbiamo la piena indagine, 300 milioni di galassie e mille supernova, possiamo fornire un contributo per un ‘nuovo Einstein’ che possa dirci cosa significa tutto questo: perché l’Universo è in questo modo?”