,

NASA: sorprendente annuncio sulla scoperta relativa agli esopianeti

La NASA farà un importante annuncio riguardante gli esopianeti il prossimo 19 giugno

La NASA ha annunciato per lunedì 19 giugno una conferenza, nel corso della quale trasmetterà in diretta sul proprio sito web gli ultimi risultati della missione Kepler e il possibile ritrovamento di esopianeti “abitabili”. L’ultimo catalogo di nuovi pianeti candidati è stato creato usando le analisi più sofisticate. Questi risultati permettono di proiettarsi verso nuove linee di ricerca nello studio dei pianeti extrasolari al di fuori del nostro sistema solare.

Kepler è una missione spaziale con uno scopo speciale del Programma Discovery della NASA: rilevare pianeti terrestri, rocciosi e delle dimensioni della Terra intorno ad altre stelle. “La missione Kepler, per la prima volta, permette agli esseri umani di esaminare o pianeti della nostra galassia delle stesse dimensioni della Terra e pianeti ancora più piccoli“, ha specificato il ricercatore principale William Borucki di Ames.

Ver imagen en Twitter

Con questa capacità, Kepler può aiutarci a rispondere ad una delle domande più frequenti per gli esseri umani, che si sono chiesti nel corso della storia: ci sono altri esseri viventi come noi nell’universo?

Dal 2006 ad oggi sono stati scoperti circa 80 pianeti extrasolari. Tuttavia, questi sono tutti i pianeti gassosi giganti simili a Giove che, probabilmente, sono composti principalmente di idrogeno ed elio. Il che rende improbabile la possibilità di ospitare la vita.

Secondo la NASA, la missione Kepler è diversa da altre precedenti a “caccia di pianeti”, dato che questa sembra considerare il transito dei pianeti. Quando questo accade ogni volta che il pianeta incrocia la linea di osservazione tra la stella madre del pianeta stesso e l’osservatore. Ciò significa che blocca una parte della luce dalla sua stella, con l’oscuramento periodico risultante. Questa “firma periodica” viene utilizzata per rilevare il pianeta, determinarne le dimensioni e l’orbita.

I partecipanti

Parteciperanno alla conferenza stampa di lunedì per informare sui sorprendenti risultati diversi scienziati del programma nella divisione di astrofisica del Science Mission Directorate della Nasa a Washington; i ricercatori del SETI Institute di Mountain View, in California; oltre ad alcuni dottorandi dell’Università delle Hawaii a Manoa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…