Nel corso di questi ultimi mesi si è molto discusso nell’impegno profuso dalle grandi aziende mondiali per la creazione di un complesso apparato 5G da destinare alle reti di futura generazione. Reti che contempleranno un utilizzo a pieno ritmo dei sistemi di diffusione in streaming, le sessioni di gioco online ed anche le nuove frontiere dell’IoT per la casa ed i sistemi mobili di trasporto.

In luogo di un’ormai fase sperimentale che porterà a breve all’introduzione delle nuove reti 5G si è deciso per la creazione del logo ufficiale che accompagnerà i riferimenti alle nuove infrastrutture.

Il 3GPP (Third Generation Partnership Program), l’associazione che si occupa di standardizzare i protocolli di telecomunicazione a livello globale si è fatta carico di rappresentare graficamente il nuovo standard di comunicazione mobile con tanto di varianti ufficiali che vedremo in seguito applicate ai dispositivi. Ecco le immagini: Logo 5G

Il logo, come spiegato dall’associazione all’interno del suo comunicato ufficiale, poen una chiara ed evidente continuità grafica con l’attuale disegno voluto per l’LTE Advanced e si rende inoltre decisamente più chiaro e definito. In questo frangente cambia il riferimento grafico alle onde. Per professionisti del settore ed aziende interessate si rende disponibile una linea guida completa.

Si ricordi che per quanto riguarda l’Italia l’AGCOM ha disposto una prima indagine conoscitiva volta ad una definitiva implementazione dello standard 5G nel nostro paese. Lo scopo è quello di rendere ottimale la comunicazione anche in ambito mobile in collaborazione con i chipmaker tra cui Qualcomm che già nel corso del 2018 si renderà partecipe delle nuove implementazioni nell’universo di prodotti mobile.

Un sistema che garantirà una comunicazione stabile, veloce ed affidabile verso i terminali mobile e tutte le apparecchiature legate all’automazione, sia essa domestica o d destinare al fine pubblico. Che cosa ne pensi dell’evoluzione dei sistemi? A te tutti i commenti.

LEGGI ANCHE: Internet 5G Super Veloce: Qualcomm, Intel, Ericsson e Nokia lavorano per lo sviluppo