maldives-floating-city
Ph. credit: goodnewsnetwork.org

Una società olandese sta collaborando con il governo delle Maldive per costruire una città galleggiante in risposta all’innalzamento del livello del mare. Le Maldive rischiano di scomparire completamente a meno che il governo non riesca ad accedere ai finanziamenti per combattere l’innalzamento delle acque. Attualmente, l’80% del Paese si trova a un metro sotto il livello del mare.

Non possiamo aspettare“, ha avvertito il ministro degli Esteri delle Maldive Abdula Shahid lo scorso anno. “Per i piccoli stati, non è facile. Quando avremo il finanziamento, potremmo essere sott’acqua”, ha lamentato. Un anno dopo, il problema rimane e questa piccola nazione inizia a cercare alternative sostenibili. Pertanto, uno studio di architettura olandese sta lavorando con le Maldive per creare una città galleggiante di 200 ettari.

 

È ispirato dalle barriere coralline e alimentato da energia verde

Come suggerisce il nome, i Paesi Bassi non sono estranei alla situazione delle Maldive e i Docklands olandesi promettono di utilizzare la propria esperienza per aiutare il Paese che vive nel mezzo dell’Oceano Indiano e la cui economia dipende fondamentalmente dal turismo.

L’idea è che l’isola artificiale si trovi in una laguna di acqua calda a soli dieci minuti di barca da Malé, la capitale delle Maldive. La “Città galleggiante delle Maldive” sarà costruita lungo una rete flessibile e circondata da isole più grandi per spezzare la forza delle onde oceaniche.

Il progetto include anche la costruzione di strutture coralline artificiali all’interno e intorno ai quartieri per attirare la vita marina e proteggere ulteriormente la città dalle tempeste. La costruzione dovrebbe iniziare il prossimo anno e terminare nel 2027.

Inoltre, saranno costruiti una scuola e un ospedale, una rete di energia rinnovabile rifornirà la città.