profezia, musk, elon, marte, elon musk
Ph. Credit: Huffington Post

Sembra che nel saggio scientifico del 1952, Progetto Marte, di Wernher von Braun, ingegnere di spicco nel campo della missilistica nella Germania di Hitler, e successivamente negli Stati Uniti, vi sia una sorta di profezia sul futuro di Elon Musk, l’ambizioso CEO di Space X, nonché patron di Neuralink, Starlink e Tesla.

Qualche tempo fa Elon Musk si era autoproclamato Imperatore del Pianeta Rosso, e a quanto pare questo era già previsto nel libro, scritto da Von Braun tra il 1948 e il 1949, come riportano diversi tabloid d’oltre Manica.

Von Braun è l’uomo che, una volta giunto negli USA, dopo che la presidenza Truman trasferì segretamente negli Stati Uniti oltre 1500 scienziati del Reich attraverso quella che è conosciuta come Operazione Paperclip, realizzò il veicolo di lancio Saturn V che portò le missioni Apollo verso Luna tra il 1968 e il 1972.

 

La profezia di Elon come leader di una futura colonia marziana

Nel libro pubblicato quasi 70 anni fa, l’autore ipotizza la nascita di una colonia umana su Marte su cui sarebbe stato istituito “un governo marziano composto da dieci uomini” e presieduto da un leader “eletto tramite suffragio universale per cinque anni e chiamato Elon”. Potrebbe dunque davvero sembrare che Von Braun abbia profetizzato il futuro e le ambizioni di Musk.

In realtà sembrerebbe più probabile che si tratti solo di una coincidenza. L’Elon a cui si riferisce von Braun infatti non è un uomo il cui nome di battesimo è Elon, piuttosto Elon è il nome che viene dato alla carica politica marziana di costui. Elon è infatti un antico nome di origine ebraica che significa quercia o albero di Dio.

Sembra che a portare all’attenzione questo curioso fatto sia stato un follower di Musk su Twitter, che ha pubblicato un’immagine dello stralcio della pagina del libro. Musk ha risposto con un altro tweet domandandosi: “Siamo sicuri che sia vero?”.

Certo non è un segreto che questo sia l’ambizioso obiettivo di Elon Musk, forse non diventarne il capo supremo, ma di sicuro essere una figura di spicco della colonizzazione marziana. Come ha infatti egli stesso dichiarato: “Ci vorranno enormi risorse per costruire una città su Marte. Voglio essere in grado di contribuire il più possibile”.

Ph. Credit: Huffington post