cavalli
Photo by Christine Mendoza on Unsplash

Un’analisi del DNA equino antico ha rivelato dove e quando la storia del cavallo e dell’umanità si sono intrecciate. I ricercatori riferiscono che il cavallo moderno ha fatto capolino più di 4.200 anni fa in quella che oggi è la Russia sud-orientale.

In pochi secoli i discendenti di questi cavalli si diffusero rapidamente in tutta l’Eurasia, soppiantando quasi tutte le precedenti popolazioni di cavalli selvaggi. I risultati dello studio sono stati pubblicati il ​​20 ottobre sulla rivista Nature.

 

La ricerca

Ludovic Orlando, archeologo molecolare presso il Centro di antropobiologia e genomica di Tolosa, in Francia, e i suoi colleghi hanno analizzato il DNA antico di 273 campioni di ossa di cavallo provenienti da tutti i continenti, che abbracciano 50 anni di storia umana ed equina.

Per la maggior parte di quel tempo, popolazioni di cavalli selvaggi geneticamente variate si sono diffuse in tutta l’Eurasia. Ma dal 2000 a.C. circa, questa variazione scomparve. Intorno al 1.500-1.000 a.C., i cavalli domestici dalla Spagna alla Mongolia discendevano dalla stessa popolazione, che i ricercatori hanno fatto risalire a esemplari di oltre 4.200 anni portati alla luce nella steppa pontico-caspica, a nord della regione del Caucaso e del Mar Caspio.

Due geni erano nettamente diversi in questi moderni genitori di cavalli e potrebbero aver aiutato in questa rapida espansione, hanno scoperto i ricercatori. Inoltre, questi geni influenzano la resistenza, la capacità di sopportare il peso e la docilità.

L’allevamento selettivo umano potrebbe aver contribuito a “ricombinare due fattori davvero buoni non [precedentemente] presenti in nessun cavallo“, ha spiegato Orlando. “Questo ha creato un animale con cui era più facile interagire e muoversi“. Gli umani potrebbero aver addomesticato i cavalli prima, ma è stato solo a questo punto che il nostro rapporto con i cavalli è davvero decollato, spiegano gli esperti.