Long-Covid sintomi variante
Foto di PIRO4D da Pixabay

Come abbiamo visto dall’inizio della pandemia sono emerse diverse varianti di Covid-19 e un nuovo studio ha suggerito che ognuna di queste varianti può portare a diversi sintomi duraturi. I ricercatori hanno rilevato che gli individui che sono stati infettati dalla variante Alpha, hanno mostrato più sintomi emotivi e neurologici rispetto al virus originale.

Lo studio è stato condotto in Italia, grazie ad una collaborazione tra l’Università di Firenze e di Careggi e si basa sull’analisi di oltre 400 pazienti, trattati dopo l’infezione in ambulatorio tra il 2020 e il 2021. Questo è il periodo in cui la variante Alpha era la variante dominante in tutto il mondo, colpendo milioni di persone.

 

Long-Covid, i sintomi dipendono dalle diverse tipologie delle varianti

Secondo i risultati almeno tre quarti dei pazienti studiati hanno riportato almeno un sintomo persistente. I sintomi persistenti riportati maggiormente sono mancanza di respiro, stanchezza cronica. Oltre a questi sono stati riscontrati problemi nel sonno, nebbia cerebrale e problemi visivi. Quest’analisi ha inoltre suggerito che gli individui con casi gravi che avevano bisogno di farmaci immunosoppressori, avevano sei volte più probabilità di riportare sintomi Long-Covid. Inoltre quelli che invece sono stati trattati con ossigeno a lungo flusso, avevano il 40% in più di manifestare sintomi da lungo trasportatore.

Un ulteriore fattore evidenziato dallo studio è che le donne hanno il doppio delle probabilità di riportare sintomi Long-Covid rispetto agli uomini. Gli autori dello studio hanno anche riportato che le persone con diabete di tipo 2 sembrano avere un minor rischio di sviluppare il Long-Covid. Tuttavia sono necessari ulteriori studi per comprendere al meglio questa nuova scoperta. Dopo un accurata valutazione di tutti i sintomi Long-Covid, i ricercatori hanno riscontrato un cambiamento sostanziale nei pattern dei problemi neurologici ed emotivi/cognitivi che hanno evidenziato i pazienti dall’inizio della pandemia.

 

Fare di più per supportare la protezione di questi pazienti

Da quando la variante Alpha è diventato il ceppo dominante, la prevalenza di dolori muscolari, nebbia cerebrale, ansia e depressione, sono aumentati notevolmente, mentre la perdita di gusto ed olfatto e problemi di udito erano diventati meno comuni. Molti dei sintomi riportati in questo studio sono stati misurati, ma questa è la prima volta che sono collegati a diverse varianti di Covid-19. La lunga durata e l’ampia gamma di sintomi ci ricordano che il problema non sta scomparendo e che dobbiamo fare di più per supportare e proteggere questi pazienti a lungo termine. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sui potenziali impatti delle varianti di preoccupazione e della vaccinazione stato sui sintomi in corso.

È assolutamente chiaro che le diverse varianti hanno capacità diverse. Chiaramente, alcune di esse sono più contagiose e alcune sono in grado di causare malattie più gravi. Allo stesso modo, alcune varianti hanno una maggiore predilezione per i diversi gruppi di età, quindi non sorprende che ci possano essere differenze anche nel Long-Covid tra le varianti.

Foto di PIRO4D da Pixabay