cibi base vegetale richiesta
Foto di Sean Hayes da Pixabay

Con la crescente richiesta di fonti proteiche alternative, tutti noi siamo alla ricerca di opzioni più sane, sostenibili ed eticamente realizzate. Numerosi studi hanno analizzato tutte le proteine possibili per spingere verso degli investimenti su una nuova gamma di ingredienti e nuovi prodotti. Grazie a ciò è possibile credere che polpette a base vegetale, carni prodotte in laboratorio e insetti siano solo alcuni tra gli alimenti che entro il 2030 potranno arrivare sulle nostre tavole.

I risultati delineano le basi per un futuro con una maggiore scelta per i consumatori e risultati migliori per tutti i produttori di tutti i tipi di proteine. La maggior parte della popolazione è un consumatore assiduo di carne rossa, ma da due anni c’è stato un costante calo del consumo. Il motivo fondamentale per ridurre il consumo di carne rossa è sicuramente il costo, seguito da preoccupazioni per la salute, per l’ambiente e per la salute degli animali.

 

Cibi a base vegetale, l’industria proteica in crescita per soddisfare la richiesta

Nello stesso tempo il consumo di carne nella classe media in Vietnam e Cina sta subendo una costante crescita. Questo spostamento della domanda sta creando un’opportunità per i produttori di proteine ​​di espandersi e diversificarsi. L’industria basata sulle proteine vegetali è ancora un piccolo mercato nella maggior parte del mondo, ma sta aumentando in modo davvero rapido. Il numero totale di prodotti proteici a base vegetale sugli scaffali dei generi alimentari è raddoppiato nell’ultimo anno a più di 200. Dati recenti mostrano che la domanda di questi prodotti è aumentata di circa il 30% negli ultimi due anni.

I prodotti alimentari a base vegetale sono realizzati trasformando vari ingredienti vegetali, come cereali integrali, legumi, fagioli, noci e semi oleosi in prodotti alimentari, inclusi pane, pasta e alternative a carne e latticini. Lupini, ceci e lenticchie possono essere trasformati in hamburger a base vegetale, mentre le polveri proteiche possono essere fatte con faba o fagioli mung. La maggior parte dei prodotti a base vegetale disponibili ora sono importati, quindi c’è un enorme fetta di spazio per i produttori locali se vogliono entrare nel settore.

Insetti e carni di laboratorio tra gli alimenti possibili

Ovviamente la carne continuerà ad essere un alimento fondamentale nelle nostre future diete, ma sempre più consumatori di carne si fanno domande sulla provenienza della carne assunta e qui entra in gioco “l’integrità digitale“, che potrebbe essere molto utile. Questi sistemi tengono traccia di tutto, dall’origine degli ingredienti, alla nutrizione, all’imballaggio sostenibile, al commercio equo e alle certificazioni biologiche. Tengono inoltre un registro delle condizioni di lavoro associate, dell’impronta di carbonio, dell’uso dell’acqua, dell’uso di sostanze chimiche, delle considerazioni sul benessere degli animali e degli impatti sulla biodiversità e sulla qualità dell’aria.

La fermentazione di precisione è un’altra tecnologia per la creazione di prodotti e ingredienti ricchi di proteine, del valore potenziale di 2,2 miliardi di dollari entro il 2030. La fermentazione tradizionale prevede l’utilizzo di microrganismi per creare alimenti tra cui yogurt, pane o tempeh. Nella fermentazione di precisione, personalizzi i microrganismi per creare nuovi prodotti. Gli insetti commestibili, come grilli e vermi della farina, fanno parte delle cucine di tutto il mondo da millenni. Gli insetti hanno un alto valore nutritivo , sono ricchi di proteine, acidi grassi omega-3, ferro, zinco, acido folico e vitamine B12, C ed E. Si ritiene inoltre che l’allevamento di insetti abbia un basso impatto ambientale e richiede meno terra, acqua ed energia. Le proteine ​​sono vitali per la nostra salute. Tuttavia, fino ad ora la sua produzione ha messo a dura prova la salute della maggior parte degli altri ecosistemi.

Foto di Sean Hayes da Pixabay