Co2 aria combustibili fossili
Foto di Nika Akin da Pixabay

Avere un modo per monitorare l’anidride carbonica in modo diretto dai combustibili fossili può aiutare molti paesi e città per ridurre le emissioni quasi in tempo reale. Purtroppo abbiamo poco tempo per trovare una soluzione e sapere cosa succede e qual’è la soluzione il più rapidamente possibile è accuratamente possibile. Al momento i governi e le organizzazioni di ricerca stimano le emissioni complessive dei paesi sulla base di quanto petrolio o gas è stato venduto.

Sebbene le stime iniziali siano effettuate abbastanza rapidamente, possono essere necessari molti anni per avere le informazioni complete e le stime potrebbero variare notevolmente. Misurare in modo diretto le emissioni di combustibili fossili potrebbero confermare il modo accurato di queste stime e rivelerebbe in modo più rapido se le politiche della riduzione di emissioni stiano davvero funzionando.

 

Combustibili fossili, ora è possibile dire quanta CO2 nell’aria è dovuta da loro

Ciò potrebbe anche consentirci di monitorare le quantità di emissioni per una regione o paese specifici. Tali misurazioni sono estremamente difficili, perché le piante assorbono o rilasciano quantità variabili di CO2 quando le stagioni cambiano e il tempo cambia. È come stare su una spiaggia e cercare immediatamente di capire se la marea sta entrando o uscendo, dato che le onde vanno e vengono costantemente. Quindi, mentre l’aumento globale a lungo termine della CO2 atmosferica dovuto all’attività umana è cristallino, il quadro regionale a breve termine lo è molto meno.

I ricercatori hanno provato vari modi per misurare direttamente le emissioni di combustibili fossili. Uno è determinare quale proporzione di CO2 è sotto forma dell’isotopo radioattivo carbonio-14, che non si trova nei combustibili fossili perché decade nel tempo. Tuttavia ciò richiede la raccolta di campioni in flaconi, quindi la misurazione continua non è possibile. Inoltre, alcuni tipi di reattori nucleari emettono carbonio-14, oscurando il quadro. Il team è stato in grado di rilevare i cali delle emissioni di combustibili fossili durante il primo e il secondo blocco del covid-19 in Inghilterra. “Il Covid è stato un ottimo esempio di cambiamento improvviso e improvviso”, afferma il team.

 

Utilizzare i diversi approcci

L’anno scorso le riduzioni delle emissioni di anidride carbonica dovute alla pandemia erano rilevabili utilizzando i satelliti di rilevamento della CO2 esistenti e nei prossimi anni si prevede di lanciare più missioni incentrate sul rilevamento di questo gas. Il team afferma che il problema con i satelliti è che non possono rilevare la CO2 attraverso le nuvole e non possono distinguere tra emissioni di combustibili fossili e biologiche. Invece, le stime satellitari si basano su modelli computerizzati dei processi naturali per determinare le emissioni di combustibili fossili.

Tuttavia questi modelli sono informati dai dati e possono essere estremamente accurati, e sottolinea che il team fa affidamento sulla “scatola nera” dell’apprendimento automatico. In definitiva, i migliori risultati possono derivare dall’utilizzo di tutti i diversi metodi.

Foto di Nika Akin da Pixabay