ondate-di-caldo-cambiamento-climatico
Photo by Mike Erskine on Unsplash

Il cambiamento climatico, inteso anche come riscaldamento globale, ha delle ovvie conseguenze come le ondate di caldo. Quest’ultime sono diventate sempre più frequenti negli ultimi anni e non si può dire neanche che ci sia stata una sorta di progressività. La durata e l’intensità delle ultime sono difficilmente paragonabili a eventi precedenti.

Se è vero che la Terra passa ha già vissuto dei cicli e che momenti di caldo si assecondano a momenti più freddi, a questo giro la situazione è diversa. L’impatto dell’uomo sul clima è certo e tra le tante prove c’è la temperatura record raggiunta in Canada di recente, 49,6 gradi Celsius; è stato calcolato che ondate di calco del genere sono praticamente impossibili senza riscaldamento globale indotto dall’uomo.

 

Ondate di caldo sempre più potenti e frequenti

Le parole della scienziata Friederike Otto e del coautore Ben Clarke: “Non c’è dubbio che il cambiamento climatico sia un enorme punto di svolta quando si tratta di caldo estremo. Ogni ondata di caldo nel mondo è ora resa più forte e più probabile che accada a causa del cambiamento climatico causato dall’uomo. Quello che vediamo in questo momento in termini di caldo estremo sarà molto normale, se non freddo, in un mondo compreso tra 2 gradi e 3 gradi Celsius.”

Queste ondate di caldo non sono un problema solo ambientale, ma di salute pubblica. I morti a causa degli aumenti delle temperature sono sempre di più anno dopo anno e il peggio non è ancora arrivato. Si parla di una minaccia critica.