suono-albero
Image by jplenio from Pixabay

Una delle domande più dibattute di esperimento filosofico è: “Se un albero cade in una foresta e nessuno è nei paragi per sentirlo, emette un suono?“. La risposta a questa domanda sembra essere abbastanza facile, presenta un problema epistemologico significativo, le cui spiegazioni hanno conclusioni opposte. In particolare, George Berkeley e John Locke hanno considerato il problema identificato utilizzando un approccio filosofico simile e hanno ottenuto risposte diverse.

Cerchiamo di esplorare la questione menzionata dal punto di vista delle argomentazioni fornite da Locke, il quale affermava che nessuno avrebbe sentito il suono poiché è una mera sensazione; e Berkeley, che è sicuro che un albero emetterà un suono poiché è un oggetto esistente nella propria mente.

 

Esplorare la materia del suono: il concetto di suono

Il suono è composto da vibrazioni dell’aria trasmesse ai sensi umani attraverso il sistema uditivo. Queste vibrazioni possono diventare suono solo nei centri nervosi di una persona. Qualsiasi impatto meccanico, come ad esempio la caduta di alberi, produce solo vibrazioni dell’aria. Il filosofo inglese George Berkeley nella sua opera “A Treatise Concerning the Principles of Human Knowledge” afferma che una persona crede che non ci sia niente di più facile che immaginare, ad esempio, alberi nella foresta o libri nella biblioteca che nessuno percepisce. Berkeley afferma che una persona è naturalmente in grado di immaginare gli oggetti poiché è facile. Se non ci sono mezzi per ascoltare, in altre parole, orecchie, allora non ci sarà alcun suono.

L’epistemologia è una disciplina filosofica e metodologica in cui vengono esplorati la conoscenza scientifica, la sua struttura e il suo funzionamento. Dal punto di vista di Locke, il suono si contraddistingue da onde oscillanti che viaggiano attraverso l’aria, l’acqua o le pareti attraverso mezzi gassosi, liquidi e solidi. Diventa evidente che Locke considera la questione data nell’epistemologia del contesto, concentrandosi sul collegamento tra metafisica e realtà. Allo stesso tempo, queste vibrazioni sono percepite dalle creature umane, che sono in grado di riconoscere le vibrazioni meccaniche di queste onde. Infatti, se non esiste un oggetto di percezione, il suono non può esistere in nessun ambiente.

 

La prospettiva di Locke: realtà e sensazioni

Le qualità primarie e secondarie degli oggetti sono termini usati per distinguere le proprietà delle cose in base all’oggettività. Questi termini furono introdotti da Locke, sebbene una tale distinzione fosse stata fatta prima di lui da Galileo, Democrito, Cartesio e alcuni altri filosofi. Locke ha correlato le qualità primarie o oggettive al movimento, l’adesione delle particelle, l’impermeabilità, la densità, il volume, ecc. A loro volta, le qualità secondarie, o soggettive, erano assegnate al colore, all’olfatto, al gusto e al suono. Tutte le proprietà che non sono suscettibili di spiegazione da Locke sono state dichiarate secondarie.

L’allocazione delle qualità soggettive si basava anche su una miscela dell’esistenza oggettiva delle qualità con la forma del loro riflesso nella coscienza. Anche la mancanza di comprensione del ruolo speciale del pensiero nell’esibizione delle qualità delle cose ha plasmato le idee menzionate.

In termini di teoria delle qualità primarie e secondarie, se un albero può esistere al di fuori della struttura della percezione, allora una persona non è in grado di sapere se è un albero. A questo proposito, è fondamentale identificare la nozione di esistenza sembra capire la differenza tra la realtà e come le persone la percepiscono. Se un oggetto è oltre i confini di come lo si percepisce, il ragionamento da una posizione di buon senso sembra essere rilevante. Mentre ci sono onde sonore, non le si può sentire. Meccanicamente, il suono “succederà”, ma la persona non lo sentirà. Di conseguenza, questo suono molto meccanico non può esistere se una persona non è in grado di percepirlo.

È opportuno discutere in dettaglio la differenza descritta da Locke riguardo alle qualità primarie e secondarie dell’oggetto. Questa metamorfosi indica le qualità che gli oggetti possiedono inizialmente, assiomaticamente, e che gli vengono attribuite dalle persone. Ad esempio, qualcosa di blu o di rosso non è effettivamente blu o rosso, l’amaro non è amaro e il suono non è qualcosa che suona in qualche modo. Tuttavia, secondo Locke, un suono rimane sempre tale: un oggetto che per qualche ragione non si vede, non si sente o non si percepisce può esistere indipendentemente. Inoltre, una persona non è in grado di percepire tutto e la realtà che la circonda è piena di questioni sconosciute.

La differenza tra percezione e realtà è l’aspetto fondamentale della teoria sviluppata da Locke. È possibile chiedersi: se un albero esiste al di là della percezione (nell’ambito del buon senso), creerà onde sonore? Si può presumere che queste onde sonore non verranno ascoltate. Il suono, nel suo senso meccanico, apparirà, ma non sarà percepibile dall’orecchio umano. Come può esistere il suono se non è accessibile alla percezione umana? Questo enigma rivela l’importante distinzione di Locke tra qualità primarie e secondarie.

La distinzione sottolinea quali qualità sono assorbite assiomaticamente nell’oggetto e quali di esse sono attribuite all’oggetto. In altre parole, un oggetto rosso non è realmente rosso poiché “rosso” è una qualità secondaria e il suono di un albero che cade in una foresta non suona come niente.

 

Il punto di Berkeley: l’immaterialismo

Berkeley si basa sulla definizione classica di un’idea data da Locke e restringe notevolmente questo concetto. Nella filosofia di Berkeley, le idee risultano essere oggetti di percezione immediati, ma non oggetti di conoscenza in generale. Concretizzando il concetto dato, Berkeley rifiuta l’idea di Locke secondo cui la conoscenza è solo una percezione della connessione e della conformità o dell’incoerenza e dell’incompatibilità di qualsiasi idea umana.

L’immaterialismo afferma che se qualcosa esiste, allora viene percepito. Tuttavia, va sottolineato che alcuni ricercatori la guardano in modo contrario. Locke sostiene che la sostanza e le sue proprietà sono diverse l’una dall’altra, mentre Berkeley è sicuro che qualsiasi oggetto sia qualcosa che si può sentire. L’argomento dominante di Berkeley è che il suono è un rumore udibile, quindi un albero che cade può essere sentito comunque, anche se non c’è nessuno nelle vicinanze. Pertanto, il sensazionalismo alla fine restringe l’esistenza degli oggetti e li dissolve persino nella prospettiva sensoriale.

 

Conclusione

Per concludere, la questione epistemologica solleva un’altra importante questione sul rapporto delle menti umane con la realtà. Considerando il punto di Locke e la sua qualità secondaria assegnata al suono, si può suggerire che questo filosofo risponderebbe “no”. Secondo Locke, nessuno udrebbe il suono di un albero che cade in una foresta poiché il suono è solo una sensazione creata nella propria mente. Questa ipotesi si basa sull’idea che le persone traggono la conoscenza del mondo attraverso la percezione e l’esperienza.