cancro-cannabis-funghi-effetti
Photo by Kimzy Nanney on Unsplash

Come si cura un cancro? Non c’è una risposta valida sempre, ma ci sono dei trattamenti i quali però non sono esattamente piacevoli. Come non si cura un cancro invece? Non ignorando la medicina e usando metodi considerabili più naturali. O forse si può. Alcuni ricercatori si sono concentrati su un caso particolare di una donna.

Alla protagonista di questa storia era stato diagnosticato un cancro al seno allo stadio IV. Una situazione particolarmente difficile dove erano presenti metastasi diffuse anche alle ossa. La donna ha si iniziato un ciclo di chemioterapia, ma ha affiancato a tale trattamento l’assunzione di olio di cannabis e di una sostanza tipica dei funghi allucinogeni, la psilocibina. I risultati sono arrivati quasi subito, ma c’è da sottolineare che tutt’ora ci sono poche risposte.

 

Cancro, chemioterapia cannabis e funghi allucinogeni

Nel giro di poco il cancro era completamente sparito. Si parla di meno di un anno di terapia dopo il quale la donna ha smesso il ciclo di terapia, ma non di prendere le altre sostanza. Continuò per nove mesi a prenderle finché dopo un altro controllo senza novità, smise. A un successivo controllo, a poco meno di un anno di distanza, la pessima notizia, il i tumori erano tornati. Dopo un altro controllo, questa volta a 15 mesi di distanza, è stato visto come il tutto si era stabilizzato di nuovo.

La correlazione tra gli eventi suona quasi ovvia ed è per questo che la donna e il suo cancro è diventato un caso di studio. Al momento, come detto, non ci sono risposte, ma l’evoluzione del tutto potrebbe cambiare il modo di combattere certe forme tumorali.