obesità cibi lavorati figli
Foto di Pexels da Pixabay

Secondo un nuovo studio i figli di madri che consumano grandi quantità di cibi lavorati hanno un rischio maggiore di essere in sovrappeso. Il legame tra la dieta di una madre e il rischio di obesità del bambino è indipendente da altri fattori di rischio dello stile di vita, incluso il consumo da parte del bambino di alimenti ultra-elaborati.

Ovviamente sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati e comprendere quali sono i fattori che possono portare al sovrappeso. Le madri potrebbero trarre vantaggio dalla limitazione dell’assunzione di cibi ultra-lavorati, che le linee guida dietetiche dovrebbero essere perfezionate e le barriere finanziarie e sociali rimosse per migliorare l’alimentazione delle donne in età fertile e ridurre l’obesità infantile.

 

Obesità, i figli di madri che consumano cibi lavorati hanno rischio di sovrappeso

Il consumo materno di cibo ultra-elaborato durante il periodo di allevamento del bambino era associato a un aumentato rischio di sovrappeso o obesità nella prole, indipendentemente dai fattori di rischio dello stile di vita materno e della prole. Sono necessari ulteriori studi per confermare questi risultati e per comprendere i meccanismi biologici sottostanti e i determinanti ambientali. Questi dati supportano l’importanza di perfezionare le raccomandazioni dietetiche e lo sviluppo di programmi per migliorare l’alimentazione per le donne in età riproduttiva per promuovere la salute della prole.

Nel 2020 39 milioni di bambini erano in sovrappeso o obesi, aumentando il rischio di malattie cardiache, diabete, tumori e morte prematura. Alimenti ultra-elaborati, come prodotti da forno e snack confezionati, bevande gassate e cereali zuccherati, si trovano comunemente nelle moderne diete in stile occidentale e sono associati all’aumento di peso negli adulti. Tuttavia fino ad ora non era chiaro se esistesse un legame tra il consumo di alimenti ultra-elaborati da parte di una madre e il peso corporeo della sua prole. È stata presa in considerazione anche una serie di altri fattori potenzialmente influenti, noti per essere fortemente correlati all’obesità infantile. Questi includevano il peso della madre (BMI), l’attività fisica, il fumo, lo stato di vita (con il partner o meno) e l’istruzione del partner, nonché il consumo di cibo ultra-elaborato, l’attività fisica e il tempo sedentario.

 

Ciò è indipendente da altri fattori di rischio

Il consumo di cibo ultra-elaborato di una madre era associato a un aumentato rischio che la sua prole fosse sovrappeso o obesa. Ad esempio, un rischio maggiore del 26% è stato osservato nel gruppo con il più alto consumo materno di alimenti ultra-lavorati rispetto al gruppo con il consumo più basso. Non è possibile stabilire la causa e i ricercatori hanno riconosciuto diversi limiti del loro lavoro. Tuttavia, lo studio ha utilizzato i dati di ampi studi in corso con valutazioni dietetiche dettagliate per un periodo relativamente lungo e l’analisi ha prodotto associazioni coerenti, suggerendo che i risultati sono solidi.

I risultati hanno mostrato che l’associazione tra l’assunzione di cibo materno ultra-elaborato durante il periodo di allevamento del bambino e il rischio per la prole di sovrappeso o obesità era indipendente dai fattori di rischio dello stile di vita della prole. Questa scoperta indica che potrebbero esserci altri percorsi attraverso i quali l’assunzione di cibo ultra-elaborato materna può influenzare il rischio di sovrappeso infantile; per esempio, l’imprinting in utero a lungo termine e la presenza di un gene non caratterizzato da fattori ambientali.

Foto di Pexels da Pixabay