Cina strutture cambriane
Foto di Pexels da Pixabay

Oltre 500 anni fa gli invertebrati marini hanno aperto la strada a nuovi esperimenti evolutivi: gli scheletri. Tuttavia mentre quelle durevoli strutture simili a tubi hanno resistito alla prova del tempo come fossili, i corpi molli degli animali si sono decomposti e sono svaniti, cancellando ogni prova di come potevano essere questi antichi animali.  Ora un nuovo esame dei dati raccolti hanno finalmente svelato l’identità di questi organismi.

Questi primi tubi scheletrici risalgono a ad un periodo noto come Cambriano e sembrano essere stati un’efficace strategia di sopravvivenza, poiché sono spuntati in più gruppi in un arco di tempo relativamente breve tempo geologico. Durante questo periodo, tutto, dagli antenati segmentati dei lombrichi ai bizzarri antichi parenti dei tardigradi, ha creato strutture protettive simili a tubi.

 

Scoperto il mistero delle strane strutture cambriane in Cina

Ovviamente tracciare la loro storia evolutiva non è stato molto semplice, ma gli scienziati stanno facendo luce su questi enigmatici creatori di scheletri. Questi fossili di 514 milioni di anni fa della creatura tubolare Gangtoucunia aspera includono impronte di tessuti molli lasciate dai corpi degli animali. Studiando da vicino queste impressioni, gli scienziati hanno determinato che i tubi appartenevano, tra tutte le cose, a un’antica medusa che produceva scheletri. Gli invertebrati con corpi molli sono molto difficili da trovare nei reperti fossili, tanto che le meduse non sono quasi mai state trovate.

Normalmente, quando un organismo marino muore, gli spazzini e i batteri lavorano rapidamente sui suoi tessuti molli. Ma molto occasionalmente, un’ondata di sedimenti fini copre i resti abbastanza rapidamente da impedire ai batteri aerobici di insediarsi. Alcune caratteristiche hanno portato il team a concludere che G. aspera probabilmente apparteneva al phylum Cnidaria, che comprende meduse, coralli e anemoni di mare dei giorni nostri. Ha anche messo a tacere una teoria più antica secondo cui la creatura era un verme anellide, che è definito dal suo corpo segmentato e dall’intestino con due aperture.

Questa specie molto probabilmente si aggirava negli antichi oceani con un’estremità del suo tubo ancorata ad altri membri della sua specie o a creature mobili come i trilobiti, ritraendosi nel suo guscio quando i predatori nuotavano. Probabilmente si nutriva in modo molto simile ai moderni polipi delle meduse, estendendo i suoi tentacoli pungenti quando la preda era vicina. Solo le larve di un gruppo di meduse, Scyphozoa, creano oggi esoscheletri. Alcuni altri cnidari, come i coralli, conservano i loro scheletri fino all’età adulta. G. aspera ha realizzato i suoi tubi con fosfato di calcio, lo stesso composto resistente che costituisce lo smalto dei denti e le ossa. Perché i moderni cnidari siano passati dal fosfato di calcio agli esoscheletri di carbonato di calcio rimane un mistero. Una ragione potenziale è che l’ambiente prima del nostro tempo attuale era ricco di fosforo.

Foto di Pexels da Pixabay