animali-domestici-dieta-inquinamento
Photo by Dhruv Weaver on Unsplash

Quando si parla di dar da mangiare ai propri animali domestici, ci sono diversi correnti di pensiero. C’è chi preferisce dargli solo del cibo secco, c’è chi preferisci dargli solo del cibo umido e chi opta per una dieta divisa tra le due. A seconda dei nutrimenti che riceve, non c’è una scelta più o meno sbagliata, ma un nuovo studio pone il focus su altro.

Secondo una nuova ricerca, il cibo secco dato agli animali domestici è di fatto la scelta migliore per l’ambiente in quanto è legato a un minore inquinamento. Lo studio si è concentrato sulle specie per eccellenza per le specie domestiche ovvero gatti e cani. Per l’alimentazione sono state prese in considerazione sia quelle commerciali che quelle fatte in casa con l’attenzione sulle emissioni e il consumo dell’acqua e del suolo.

 

La dieta migliore per gli animali domestici e per l’ambiente

Il risultato di tutte le variabili prese in considerazione ha mostrato come per gli animali domestici, in particolari per i cani, l’impatto ambientale di una dieta cambia notevolmente tra umida e secca. Nel primo caso, a livello annuale, si parla di una produzione di 6.541 chilogrammi di CO2 mentre con una esclusivamente secca 828,37 chilogrammi, un aumento quindi del 700% per quella più inquinante.

A livello di nutrimenti ci sono altre differenze. A livello di energia per grammo, le diete secche per gli animali domestici portavano più energia mentre quelle umide più proteine. Per quest’ultime la maggior parte dell’energia era fornita dalla parte animali degli ingrediente che è di fatto la parte di fatto che inquina di più.