intestino fibra fermentabile microbi
Foto di Engin Akyurt da Pixabay

Potrebbe essere davvero difficile per le persone scegliere tra i moltissimi integratori che ci sono sul mercato. Offrono anche una varietà di indicazioni sulla salute senza essere soggetti all’approvazione o alla revisione della FDA. Quindi come facciamo a sapere qual’è l’integratore giusto per mantenere la nostra salute? Secondo una nuova analisi sempre più dettagliata dei nostri microbi intestinali su persone che hanno assunto tre diversi tipi di integratori, coloro che consumavano minor quantità di fibra, prima di partecipare allo studio, hanno avuto maggiori benefici dagli integratori stessi.

La fibra alimentare presenta vantaggi oltre alla più facile defecazione pubblicizzata. La fibra fermentabile, che è composta da carboidrati alimentari che alcuni batteri possono digerire mentre l’intestino umano non può, è una fonte cruciale di nutrienti di cui i microbi intestinali hanno bisogno per rimanere in salute. Ci siamo evoluti per dipendere dai nutrienti che i nostri microbiomi producono per noi. Tuttavia con i recenti cambiamenti nella dieta dai cibi ricchi di fibre, abbiamo smesso di nutrire i nostri microbi di ciò di cui hanno bisogno.

 

Intestino, assumere fibra fermentabile può portare ad una maggiore salute

Quando i nostri insetti intestinali si nutrono di una dieta ricca di fibre, producono maggior quantità di acidi grassi che ci proteggono dalle malattie intestinali, dal cancro del colon-retto e persino dall’obesità. In particolare, aumentano la produzione di butirrato, un acido grasso che funge da fonte di energia per le stesse cellule intestinali. È stato dimostrato che il butirrato aumenta la resistenza dell’intestino alle infezioni, riduce l’infiammazione e crea cellule del rivestimento intestinale più felici e sane. L’obiettivo della ricerca era quello di sapere se fosse necessario personalizzare gli integratori di fibre in base ad ogni singola persona.

È stato dimostrato che diverse fibre fermentabili hanno effetti diversi sulla produzione di acidi grassi a catena corta a seconda dell’individuo. È stato visto che non c’è molta differenza tra i diversi integratori che assumiamo. Indipendentemente da ciò che scegliamo sembra che il nostro microbioma ci ringrazierà donandoci più butirrato. L’adulto medio consuma solo dal 20 al 40% della quantità giornaliera raccomandata di fibre, che si ritiene sia la causa principale di molte delle nostre comuni malattie della salute, tra cui obesità, malattie cardiovascolari, disturbi digestivi e cancro del colon. Invece di dover diventare totalmente vegetariani o consumare chili di cavolo nero ogni giorno, sono stati creati convenienti integratori di fibre che possono aumentare la produzione di acidi grassi a catena corta.

 

Qual’è il giusto integratore da scegliere?

I ricercatori hanno testato tre tipi principali di integratori di fibre fermentabili: inulina, destrina (Benefiber) e galattooligosaccaridi (GOS) commercializzati come Bimuno. I 28 partecipanti sono stati separati in gruppi e hanno ricevuto ciascuno dei tre supplementi per una settimana in ordini diversi, con una settimana di riposo tra i supplementi per consentire ai partecipanti di tornare allo stato di base. I partecipanti che avevano consumato più fibre in precedenza hanno mostrato il minimo cambiamento nei loro microbiomi e il tipo di integratore non aveva davvero importanza, probabilmente perché ospitavano già una popolazione più ottimale di insetti intestinali.

Al contrario, i partecipanti che avevano consumato meno fibre hanno visto il maggiore aumento di butirrato con gli integratori, indipendentemente da quale fosse stato consumato. Usando i loro fermentatori intestinali artificiali, i ricercatori hanno scoperto che i microbi intestinali sono stati innescati dalla prima dose per consumare fibre e le hanno digerite rapidamente con la seconda dose. Questi risultati sono incoraggianti. Se siamo consumatori a basso contenuto di fibre, probabilmente non vale la pena sottolineare così tanto su quale tipo di fibra aggiungere. È solo importante trovare qualcosa che funzioni per noi in modo sostenibile.

Foto di Engin Akyurt da Pixabay