tripledemica
Foto di Mohamed Hassan da Pixabay

Abbiamo sempre pensato che questo inverno avremmo dovuto preoccuparsi di una duplice pandemia, ossia Covid-19 e influenza, ma secondo gli esperti potrebbe aggiungersi un nuovo virus che sta facendo preoccupare, RSV. Ciò quindi può portare ad una tripledemia d’affrontare. Ci sono segnalazioni di un numero crescente di casi di virus respiratorio sinciziale, un’infezione comune che normalmente è lieve, ma che può causare polmonite e gonfiore delle vie aeree nei neonati, nelle persone vulnerabili e negli anziani.

Questo nuovo virus è la principale causa di ricoveri ospedalieri infantili e attualmente ne soffre quasi un terzo dei bambini sotto i cinque anni, soprattutto nel Regno Unito. Complessivamente ne è affetto il 7,4 per cento della popolazione generale. Purtroppo i casi di RSV sono stati segnalati in tutto il mondo, come in Australia e Stati Uniti.

 

Tripledemia, questo inverno dovremmo preoccuparci di un mix di virus

Ciò avviene poiché i livelli di influenza sono più alti del normale dopo due anni di blocco, che l’hanno tenuto soppresso. I livelli globali di influenza sono scesi ai minimi storici nel 2020 e nel 2021, mentre nel Regno Unito, attualmente più di due milioni di persone hanno Covid-19. Tutte e tre le infezioni respiratorie si diffondono attraverso le goccioline nell’aria e sono più comuni in inverno poiché trascorriamo più tempo al chiuso in spazi non ventilati. Gli esperti sono preoccupati sul fatto che una triplice pandemia possa portare a molti ricoveri. Quando molte persone si ammalano contemporaneamente, e in particolare durante l’inverno, la pressione sui servizi sanitari può essere molto intensa.

L’RSV, che in genere provoca i sintomi di un lieve raffreddore, come tosse, febbre e naso che cola, rappresenta 450.000 appuntamenti medici, 30.000 ricoveri ospedalieri e 80 morti di neonati e bambini anche in un anno normale nel Regno Unito. Tuttavia potrebbe essere molto più grave se qualcuno sta già combattendo il Covid e l’influenza. Uno studio che ha coinvolto quasi 7.000 pazienti ospedalieri con Covid, ha rilevato che 583 avevano anche influenza, RSV o adenovirus o una miscela. I ricercatori inoltre hanno scoperto che le persone che hanno Covid e influenza avevano il doppio delle probabilità di morire, senza che l’RSV fosse riconosciuto nel mix.

 

Oltre il Covid-19 e l’influenza si aggiunge l’RSV

Quello che potrebbe accadere è che qualcuno contragga l’RSV, si ammali e risolva l’infezione; poi soccombe all’influenza, si ammala e cancella l’infezione; e finalmente prende Covid, tutto in poche settimane. Questo sarebbe debilitante anche se non siamo nei gruppi a rischio. È difficile prevedere l’impatto che potrebbe avere una tripledemia perché ci sono stati così pochi casi di RSV negli ultimi due anni, a causa dei blocchi e delle misure di allontanamento sociale. Tuttavia ciò che è chiaro è che l’RSV da solo può essere rischioso, soprattutto per i neonati o gli anziani con un’immunità ridotta, perché può portare alla bronchiolite, che è responsabile di circa un ricovero ospedaliero.

Le vaccinazioni sono la prima linea di difesa per Covid e influenza. Per RSV, la buona notizia è che ci sono diversi vaccini in fase di sperimentazione che potrebbero presto essere disponibili. Un vaccino RSV prodotto da Pfizer potrebbe passare attraverso il processo di approvazione negli Stati Uniti entro la fine di quest’anno. Sarebbe stato dato alle donne incinte per proteggere i loro bambini nati in inverno. Gli studi hanno dimostrato che è efficace all’81% contro le gravi malattie respiratorie correlate all’RSV nei primi 90 giorni di vita di un bambino.

Foto di Mohamed Hassan da Pixabay