Marte acqua
Foto di Stefan Popovici da Pixabay

Ad oggi Marte è ampiamente conosciuto come il “Pianeta Rosso” proprio per il suo paesaggio secco e polveroso ricco di ossido di ferro. Inoltre l’atmosfera è estremamente rarefatta e fredda e sulla superficie non può esistere acqua in forma diversa dal ghiaccio. Tuttavia in passato il pianeta non era come lo conosciamo ora: aveva moltissima acqua e tranquillamente sarebbe potuto essere un pianeta oceanico, con un’atmosfera più calda e densa e acqua che scorreva sulla sua superficie.

Per anni, gli scienziati hanno tentato di determinare per quanto tempo i corpi naturali sono esistiti su Marte e se fossero o meno intermittenti o persistenti. Un’altra domanda importante era quella su quanta acqua ci fosse e se fosse abbastanza per sostenere la vita. Secondo un nuovo studio condotto da un team internazionale di scienziati planetari, Marte potrebbe aver avuto abbastanza acqua 4,5 miliardi di anni fa per coprirlo in un oceano globale profondo fino a 300 metri.

 

Marte, in passato non era il pianeta che conosciamo oggi

Insieme alle molecole organiche ed a altri elementi presenti nel nostro Sistema Solare, sostengono che queste condizioni di Marte indicano che potrebbe essere stato il primo pianeta a ospitare la vita nel nostro Sistema Solare. Secondo lo studio, i pianeti terrestri hanno subito un periodo di significativi impatti di asteroidi in seguito alla loro formazione oltre 4,5 miliardi di anni fa. Questi impatti potrebbero essere il modo in cui l’acqua e molecole organiche sono state distribuite sul nostro Sistema Solare. Tuttavia, il ruolo di questo periodo nell’evoluzione dei pianeti rocciosi nel Sistema Solare interno, in particolare per quanto riguarda la distribuzione di elementi volatili come l’acqua, è ancora dibattuto.

Il team internazionale ha riferito sulla variabilità di un singolo isotopo di cromo nei meteoriti marziani datati a questo primo periodo. Questi meteoriti facevano parte della crosta di Marte all’epoca e furono espulsi a causa di impatti di asteroidi che li mandarono nello spazio. La loro composizione rappresenta la crosta terrestre di Marte originaria prima che gli asteroidi portassero acqua e elementi sul pianeta. Poiché Marte non ha una tettonica a placche attiva come la Terra, la superficie non è soggetta a convezione e riciclaggio costanti. Pertanto, i meteoriti espulsi da Marte miliardi di anni fa offrono una visione unica di come era Marte poco dopo la formazione dei pianeti del Sistema Solare.

Marte aveva vita prima che la Terra nascesse

Secondo i loro risultati, ci sarebbe stata abbastanza acqua per coprire l’intero pianeta in un oceano profondo almeno 300 metri e profondo fino a 1 chilometro in alcune aree. In confronto, c’era pochissima acqua sulla Terra in quel momento perché un oggetto delle dimensioni di Marte si era scontrato con la Terra, portando alla formazione della Luna. Oltre all’acqua gli asteroidi hanno rilasciato gli amminoacidi durante il bombardamento tardivo. Ciò significa che la vita potrebbe essere esistita su Marte quando la Terra era sterile. Questo è accaduto nei primi 100 milioni di anni di Marte. Dopo questo periodo, è accaduto qualcosa di catastrofico per la potenziale vita sulla Terra. Si ritiene che ci sia stata una gigantesca collisione tra la Terra e un altro pianeta delle dimensioni di Marte.

Questo studio ha mostrato che Marte potrebbe essere stato coperto dagli oceani quando la Terra era ancora una palla di roccia fusa. Queste e altre domande relative all’evoluzione geologica e ambientale di Marte saranno indagate ulteriormente da missioni robotiche destinate a Marte in questo decennio.

Foto di Stefan Popovici da Pixabay