influenza vaccino universale
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Sono decenni che gli scienziati cercano di sviluppare un vaccino antinfluenzale universale, che è in grado di combattere ogni ceppo noto d’influenza. Un nuovo studio ha descritto il successo di quanto fatto sugli animali, offrendo una speranza che il paese possa essere protetto da future pandemie influenzali. Come i vaccini Covid prodotti da Pfizer-BioNTech e Moderna, il vaccino antinfluenzale sperimentale si basa sull’mRNA.

Ovviamente è tutto ancora nelle fase iniziali, ma sembrerebbero esserci delle prove che un singolo colpo di vaccino possa essere usato contro un intero ceppo di virus. Se il nuovo vaccino universale dovrebbe avere successo come sugli animali, potrebbe essere usato su altre famiglie di virus, compreso il coronavirus.

 

Vaccino influenzale universale, siamo sempre più vicini alla realizzazione

Il vaccino non sostituirebbe i vaccini antinfluenzali annuali, ma fornirebbe uno scudo contro malattie gravi e morte per potenziali minacce pandemiche. C’è una reale necessità di nuovi vaccini antinfluenzali per fornire protezione contro le minacce pandemiche che sono là fuori. Se in un futuro dovessimo trovarci davanti ad una nuova pandemia influenzale e avessimo questo vaccino da utilizzare prima del presentarsi del virus, potremmo non dover rivivere quello che abbiamo vissuto in questi anni.

Le nostre esposizioni infantili all’influenza stabiliscono una memoria immunitaria di lunga durata che può essere richiamata più tardi nella vita. Ma stiamo vivendo il resto della nostra vita in dipendenza dalla possibilità casuale di qualunque cosa ci sia stato infettato da bambini. Gli attuali vaccini antinfluenzali proteggono dall’influenza stagionale, ma fornirebbero poca protezione contro un nuovo ceppo che potrebbe emergere come minaccia pandemica. Durante la pandemia di influenza suina H1N1 del 2009, ad esempio, il vaccino convenzionale ha offerto poche difese contro il virus. Tuttavia gli adulti più anziani che erano stati esposti a ceppi H1N1 durante l’infanzia hanno sviluppato solo sintomi lievi.

In generale, ci sono 20 sottogruppi di influenza che rappresentano ciascuno migliaia di virus. I vaccini attuali possono colpire al massimo quattro sottogruppi. Ma il vaccino sperimentale li contiene tutti e 20, e sarebbe più veloce da produrre. Se il vaccino si comporta in modo simile nelle persone, avremo una copertura più ampia dei virus dell’influenza, non solo quelli che circolano, ma quelli che potrebbero fuoriuscire dal serbatoio animale che potrebbe causare la prossima pandemia. Questo fenomeno è simile a quello degli attuali vaccini Covid: sebbene le ultime varianti di Omicron siano così diverse dal virus ancestrale che il vaccino originale non previene le infezioni, continua a proteggere la maggior parte delle persone da malattie gravi.

Il prossimo passo per il vaccino sarebbe testarlo nelle scimmie e nelle persone. Ma dimostrare la sua efficacia potrebbe essere difficile. Forse il vaccino potrebbe essere testato in piccoli focolai sporadici, o nei lavoratori del pollame che sono a rischio di contrarre il virus dell’influenza aviaria.

Foto di Steve Buissinne da Pixabay