insetti-carne
Image by Jörg Vieli from Pixabay

Le crescenti preoccupazioni per l’impronta ambientale derivante dalle scelte alimentari della popolazione hanno portato alla ricerca di alternative, ma che mantengano gli stessi sapori. È in questo contesto che fanno capolino gli insetti, che possono essere trasformati per ricreare la carne, contribuendo a fornire un’opzione più rispettosa dell’ambiente.

I vermi della farina, la forma larvale dello scarabeo giallo, sono stati preparati con lo zucchero dai ricercatori che hanno scoperto che il risultato è un sapore carnoso che potrebbe essere perfettamente utilizzato nei cibi pronti come fonte di proteine.

Mentre finora i lombrichi sono stati utilizzati nei pasti principalmente come snack per animali domestici o come esca durante la pesca, hanno il potenziale come fonte di cibo per gli esseri umani per aiutare a raggiungere i sapori riconoscibili della carne senza gli impatti dannosi sul clima, così come l’ aria diretta e l’inquinamento delle acque dovuto all’allevamento di bovini, suini e altri prodotti alimentari di origine animale. “Gli insetti sono una fonte di cibo nutriente e salutare con elevate quantità di acidi grassi, vitamine, minerali, fibre e proteine ​​di alta qualità, che è come quella della carne“, afferma In Hee Cho, ricercatore presso la Wonkwang University in Corea, che ha condotto lo studio. “Molti consumatori apprezzano molto e hanno seriamente bisogno di proteine ​​animali nella loro dieta. Tuttavia, il bestiame tradizionale produce più emissioni di gas serra rispetto alle automobili. D’altra parte, l’allevamento di insetti richiede solo una frazione della terra, dell’acqua e del cibo rispetto all’allevamento tradizionale del bestiame“.

Cho ha spiegato che gli insetti commestibili, come i vermi della farina e i grilli, sono “supercibi” che sono stati a lungo apprezzati dalle comunità in Asia, Africa e Sud America . Tuttavia, le persone in Europa e Nord America sono generalmente più reticenti nel mangiare insetti, nonostante le recenti incursioni di numerosi ristoranti e supermercati nel fornire ai consumatori opzioni di insetti.

 

Lo studio

L’uso dei lombrichi come aromi per la carne potrebbe aiutare a colmare questa lacuna, sperano i ricercatori. Un nuovo studio ha scoperto che i sapori venivano rilasciati quando i vermi della farina venivano riscaldati con gli zuccheri, con le proteine ​​e gli zuccheri che interagivano e si caramellavano in una gamma di sapori carnosi e salati.

Allo stesso tempo, diversi processi di cottura hanno prodotto risultati diversi, hanno scoperto i ricercatori. I vermi della farina al vapore emanano una sorta di aroma di mais dolce, mentre le versioni arrostite e fritte sono più simili ai gamberetti. Gruppi di volontari sono stati utilizzati nei test dell’olfatto per vedere quali favori fossero più simili alla carne e inventati.

Come ricorda la stessa fonte, la produzione alimentare mondiale è responsabile di circa un terzo di tutti i gas serra emessi nell’atmosfera, con l’allevamento di animali da carne responsabile della maggior parte di queste emissioni. Il pascolo e l’alimentazione del bestiame consuma circa l’80% dei terreni agricoli della Terra, con qualsiasi cosa, dalla semplice ruminazione alla massiccia deforestazione della terra per far posto ai pascoli che causano emissioni che riscaldano il pianeta.

Gli insetti, che possono essere allevati in gran numero in piccoli spazi con una frazione dell’inquinamento della carne tradizionale, sono stati citati dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura come una fonte di proteine ​​potenzialmente preziosa per nutrire una popolazione globale in crescita che dovrebbe superare i 9 miliardi di persone entro il 2050.