salute tripledemica
Foto di iXimus da Pixabay

In questo ultimo periodo, con la ripresa delle temperature invernali, anche i virus come influenza, Covid-19 e RSV stanno facendo capolino nelle famiglie italiane e non solo. Almeno 10 persone in questo momento stanno affrontando qualche sintomo influenzale. Questo perché il virus respiratorio sinciziale e le stagioni influenzali sono iniziate mesi prima del solito, tra la continua diffusione del Covid-19 e il comune raffreddore.

Il tasso di ospedalizzazione per influenza è il più alto degli ultimi dieci anni. Questo è un evento straordinario e sta mettendo a dura prova le risorse sanitarie in molte parti del paese. Fortunatamente, anche se i funzionari sanitari sono preoccupati al riguardo, ancora non hanno chiesto alla popolazione l’utilizzo di mascherine o evitare gli assembramenti, cosi come è successo per il Covid-19.

 

Tripledemica, gli esperti sono in dubbio su come affrontarla

Secondo gli esperti sono altre li misure che dovremmo prendere al riguardo per evitare di diffondere i virus e ammalarsi gravemente poiché incontrarsi all’aperto diventa più difficile in inverno. Le popolazioni più a rischio a causa dei virus sono neonati, bambini piccoli e adulti più anziani, hanno affermato gli esperti di malattie infettive. Il picco fuori stagione dei casi di influenza e RSV, probabilmente dovuto al distanziamento sociale e al mascheramento impiegati durante la pandemia, ha travolto gli ospedali pediatrici di tutto il paese.

Dall’inizio di questa tripledemica c’è stato un afflusso di neonati e bambini piccoli con uno o più dei virus che hanno difficoltà a respirare e hanno bisogno di ossigeno supplementare per stare al sicuro e talvolta devono essere ricoverati in ospedale. Oltre ai virus, gli ospedali pediatrici devono curare anche gli adolescenti che finiscono al pronto soccorso a causa di lesioni autoinflitte e i numeri sono aumentati notevolmente nell’ultimo decennio. Per quanto riguarda gli adulti di età superiore ai 65 anni, gli esperti sono preoccupati per la scarsa diffusione del secondo richiamo del vaccino contro il Covid-19. Solo circa un terzo di quella popolazione ha ricevuto il richiamo più recente.

Ottenere l’ultimo richiamo del vaccino Covid-19 e il vaccino antinfluenzale è uno dei modi migliori in cui le persone possono proteggersi dai virus, hanno affermato gli esperti. Ovviamente nessuno di questi vaccini è perfetto. Sono entrambi molto validi. Fanno del loro meglio per prevenire le complicazioni, gli aspetti più gravi di queste malattie, quindi sono chiaramente utili per l’individuo. Entrambi inoltre, in una certa misura, riducono la trasmissione, quindi contribuiscono alla salute generale delle famiglie e delle comunità. Gli esperti di malattie infettive hanno anche raccomandato alle persone di lavarsi spesso le mani. A differenza del Covid-19, RSV vive sulle superfici. Anche il mascheramento può essere uno strumento utile.

Foto di iXimus da Pixabay