salute trasfusione globuli rossi
Foto di Narupon Promvichai da Pixabay

Un primo studio al mondo nel Regno Unito sta cercando di capire se i globuli rossi cresciuti in laboratorio possano durare maggiormente di quelli naturali prodotti dal corpo. Ciò potrebbe rivoluzionare l’assistenza clinica per le persone con disturbi del sangue che richiedono regolari ricariche di sangue. Sebbene lo studio sia solo piccolo, rappresenta un enorme trampolino di lancio per la produzione di sangue dalle cellule staminali.

Proprio per generare le trasfusioni, i ricercatori hanno isolato le cellule staminali dal sangue donato e le ha convinte a produrre più globuli rossi, un processo che richiede circa tre settimane. In passato la scienza ha dimostrato di poter trasfondere le cellule del sangue coltivate in laboratorio nello stesso donatore da cui provenivano. Questa volta, hanno infuso le cellule prodotte in un’altra persona compatibile, un processo noto come trasfusione allogenica.

 

Trasfusioni, per la prima volta con globuli rossi cresciuti in laboratorio

Fino a questo momento solo due persone hanno ricevuto questo trattamento e sono state sotto monitoraggio, non riportando alcun effetto collaterale. Almeno altri otto partecipanti riceveranno due trasfusioni da 5 a 10 millilitri di sangue, distanziate di almeno quattro mesi l’una dall’altra. Una trasfusione conterrà globuli rossi forniti da un donatore; l’altro avrà globuli rossi cresciuti in laboratorio derivati ​​da cellule staminali dello stesso donatore. Una volta che le cellule sono trasfuse nei corpi dei volontari sani, verranno tracciate mentre sfrecciano attraverso il sistema circolatorio del corpo, fino a quando non vengono consumate, inghiottite e riciclate.

Le cellule coltivate in laboratorio sono tutte appena prodotte da cellule staminali donate, mentre una tipica donazione di sangue contiene un vorticoso mix di cellule del sangue nuove e vecchie di mesi, quindi i ricercatori sperano che le cellule prodotte vadano lontano e durino più a lungo. Precedenti studi sugli animali suggeriscono di sì. La durata media della vita di un globulo rosso umano è di 120 giorni. Se le cellule cresciute in laboratorio possono sopravvivere alle cellule del sangue donate, potrebbe significare che in futuro i pazienti che hanno regolarmente bisogno di sangue potrebbero non aver bisogno di trasfusioni così spesso.

 

Ridurre il rischio di reazioni immunitarie pericolose

Se questa prima prova avrà successo vorrà dire che le persone che richiedono trasfusioni di sangue più frequentemente ne avranno bisogno sempre meno. Le cellule cresciute in laboratorio non solo potrebbero ridurre la frequenza delle trasfusioni di sangue per chi ne ha bisogno, ma potrebbero anche aiutare a evitare complicazioni legate a infusioni ripetute. I pazienti con disturbi del sangue come l’anemia falciforme hanno bisogno di molte trasfusioni, contando sulla buona volontà dei donatori di sangue e sulla fortuna per trovare la giusta corrispondenza. Una persona con anemia falciforme riceverà trasfusioni di sangue per sostituire i globuli rossi deformi prodotti dal suo corpo, per aumentare i livelli di ossigeno.

Un minor numero di trasfusioni potrebbe anche ridurre il rischio che i pazienti sottoposti a trasfusioni ripetute sviluppino reazioni immunitarie pericolose per la vita a specifici gruppi sanguigni del donatore. Troppe trasfusioni di un gruppo sanguigno e il corpo potrebbe iniziare a produrre anticorpi contro di esso. Sono inoltre necessarie ulteriori ricerche per capire a che punto le cellule staminali derivate dal sangue si stancano di produrre globuli rossi e devono essere reintegrate con più donazioni. Sebbene non sostituiranno la necessità di donatori di sangue, se le cellule coltivate in laboratorio si dimostreranno sicure e di lunga durata, potrebbero trasformare l’assistenza per le persone con complesse esigenze trasfusionali.

Foto di Narupon Promvichai da Pixabay