HIV vaccino
Foto di PublicDomainPictures da Pixabay

L’unico vaccino per l’HIV ancora in fase di sperimentazione negli studi clinici in fasi avanzate, ha fallito ed è risultato inefficace. Ad annunciarlo è stato il suo produttore, definendolo un’altra delusione in un campo afflitto dal fallimento molto spesso. Dozzine di vaccini contro questa condizione sono stati studiati e scartati negli ultimi decenni. L’ultima sconfitta sembrerebbe riportare indietro i passi verso un vaccino di tre o cinque anni.

Tuttavia altre opzioni nelle sperimentazioni in fase iniziale potrebbero ancora rivelarsi un potente baluardo contro l’HIV. Ovviamente la notizia è molto deludente, ma ovviamente non è la fine degli sforzi per sviluppare un vaccino contro questa malattia. Ci sono altri approcci strategici.

 

HIV, l’unico vaccino ha fallito ed è inefficace nel combattere la malattia

Uno studio in corso chiamato PrEPVacc nell’Africa orientale e meridionale sta valutando una combinazione di vaccini HIV sperimentali e farmaci preventivi. I ricercatori hanno fatto enormi passi avanti nello sviluppo di potenti anticorpi in grado di neutralizzare il virus. Inoltre stanno testando nuove tecnologie, compreso l’mRNA contro il virus. Tuttavia, la perdita dell’ultimo candidato sottolinea le sfide della progettazione di un vaccino per un avversario astuto come l’HIV. Quattro decenni dopo la sua scoperta, il virus infetta ancora circa 1,5 milioni di persone ogni anno e ne uccide circa 650.000.

Ricordiamoci che in Paesi non proprio ricchi l’HIV è ancora un problema e causa la morte. Potenti farmaci possono sopprimere il virus negli individui infetti. Esistono diverse opzioni disponibili per prevenire l’infezione: pillole orali e iniezioni somministrate ogni due mesi. Tuttavia questi farmaci devono essere assunti per il resto della vita del paziente e spesso sono inaccessibili a coloro che ne hanno più bisogno. Un vaccino sarebbe il modo ideale per contrastare il virus. La modalità di prevenzione definitiva per qualsiasi infezione, in particolare l’infezione virale, è un vaccino sicuro ed efficace.

Questo è il motivo per cui i ricercatori continueranno a proseguire nella ricerca in questo campo. Il processo ora in via di conclusione, denominato Mosaico, è iniziato nel 2019 ed è stato condotto da Janssen Pharmaceuticals, parte di Johnson & Johnson. Ha testato il vaccino su 3.900 uomini cisgender e individui transgender che hanno avuto rapporti sessuali con uomini cisgender e individui transgender. Il vaccino conteneva un mosaico di componenti destinati a colpire diversi sottotipi di HIV presenti in tutto il mondo. Tuttavia la risposta immunitaria che ha provocato contro il virus non includeva quantità significative dei cosiddetti anticorpi neutralizzanti che sono considerati le armi più potenti contro l’infezione.

Anche se il fallimento della sperimentazione non segna la fine dell’approccio a mosaico, segnala che un vaccino di successo dovrebbe stimolare l’organismo a produrre anticorpi ampiamente neutralizzanti. Non tutte le speranze sono perse, dobbiamo reindirizzare le risorse al massimo impatto.

Foto di PublicDomainPictures da Pixabay