Svalbard Global Seed Vault
Ph. credit via Neesweek

Se conosci lo Svalbard Global Seed Vault, noto anche come “Apocalypse vault” o Doomsday Vault, saprai di cosa si tratta. Costruito nel 2018, il suo scopo è quello di preservare un’ampia varietà di semi di piante, in modo che possano essere utilizzati per ricostruire intere popolazioni in caso di disastri ambientali.

Il Seed Vault ha la capacità di immagazzinare 4,5 milioni di varietà di colture. Ogni pacchetto di semi è composto in media da 500 semi, quindi è possibile conservare al massimo 2,5 miliardi di semi. Attualmente, Seed Vault ha più di 1,1 milioni di varietà di semi provenienti da quasi tutti i paesi del mondo.

Se non hai mai sentito parlare di questo silo, troverai ancora più strana l’idea di conservare le feci in una cassaforte. In tal modo, gli scienziati sperano di proteggere la diversità microbica del mondo e promuovere una comprensione più profonda di come la salute globale è influenzata dai miliardi di batteri che vivono nell’intestino umano.

 

Lo studio

Dopo aver iniziato a raccogliere campioni da un gruppo di nomadi in Etiopia, i ricercatori vogliono espandere l’iniziativa. Gli scienziati vogliono trovare gruppi di popolazione che mantengano ancora diete ancestrali, abitudini igieniche o pratiche medicinali e sono disposti a donare campioni di feci a un deposito.

I campioni vengono quindi inviati all’Università di Basilea, all’Università di Losanna, all’ETH di Zurigo e alla Rutgers University per l’analisi. In un articolo pubblicato nel 2018 sulla rivista Science, gli scienziati spiegano come l’insorgenza di molte malattie negli ultimi decenni possa essere correlata ai cambiamenti nel microbioma umano. Questi cambiamenti possono, a loro volta, essere correlati all’urbanizzazione, all’industrializzazione e alla globalizzazione. “L’analisi metagenomica aveva già dimostrato che circa l’80% dei batteri che abitano il corpo umano sono sconosciuti, portando alla metafora della ‘materia oscura microbica’“, spiegano gli autori in uno studio di fattibilità, pubblicato nel 2020. “Ciò significa che esiste il pericolo di perdere irrevocabilmente informazioni e opportunità preziose, in un momento in cui la scienza sta appena iniziando a comprendere la rilevanza e il potenziale per la salute del nostro ambiente microbico e del microbioma“, aggiungono.

Nel 2021, Microbiota Vault ha avviato la fase di lancio del progetto, un periodo di due anni per avviare l’installazione di una biobanca da qualche parte in Svizzera. L’obiettivo è raccogliere una vasta gamma di campioni microbici, principalmente feci umane, e conservarli attraverso il congelamento criogenico o la crioessiccazione. “Bisogna cominciare prima che sia troppo tardi” , concludono gli autori nello studio del 2018.

Oltre al Doomsday Vault e ora al Microbiota Vault, c’è anche il progetto Black Box, in cui è stata creata una gigantesca struttura metallica, collocata in una località sconosciuta dell’isola di Tasmania, che conserverà aggiornamenti e analisi scientifiche in tempo reale , in modo da essere scoperto in futuro.

È interessante notare che esiste persino il cosiddetto Global Oreo Vault, che mira a proteggere la ricetta e i biscotti Oreo.