OnePlus 5: secondo DxO Mark una fotocamera che non convince
DxO Mark ha testato la fotocamera di OnePlus 5, registrando un voto di 87 punti - al pari di Huawei P10 e Sony Xperia XZ

OnePlus 5 non è riuscito a mantenere le promesse riguardo il comparto fotografico, con una fotocamera smartphone con molte lacune. Il punteggio di 87 punti su DxO Mark, un’autorità nell’analisi di fotocamere ed obbiettivi, lo pone sullo stesso livello di Huawei P10 e Sony Xperia XZ.

L’hype (aspettativa, NdR) che si era creato intorno al prodotto purtroppo non è stato mantenuto. Carl Pei, il CEO di OnePlus, ha più di una volta elogiato le caratteristiche tecniche del suo smartphone di punta. E spesso il confronto con i leader del settore, Samsung Galaxy S8 e iPhone 7 Plus, è stato inevitabile.

Purtroppo le aspettative non sono state mantenute. Il re delle fotocamere per smartphone è ad oggi HTC U11, che è riuscito a scalzare dopo 8 mesi Google Pixel dalla vetta della classifica. Con un punteggio da record da 90 punti, è lui l’avversario da battere. Tra l’altro arriverà anche una versione “mini” di HTC U11, HTC Ocean Life, speriamo con una fotocamera da urlo.

OnePlus 5: secondo DxO Mark una fotocamera che non convince
DxO Mark ha testato la fotocamera di OnePlus 5, registrando un voto di 87 punti – al pari di Huawei P10 e Sony Xperia XZ

C’è da considerare però che OnePlus, nonostante quest’anno abbia alzato l’asticella del prezzo, è un prodotto che costa la metà di altri top di gamma. OnePlus 5 è disponibile all’acquisto in Italia con un prezzo che parte da 499 Euro per la versione con 6GB di RAM. Considerando che ci troviamo di fronte ad uno smartphone con Snapdragon 835, schermo AMOLED da 5.5″ con risoluzione Full-HD e con un software davvero ottimizzato, il prezzo è davvero molto competitivo.

Purtroppo, per quanto accattivante sotto il profilo del rapporto qualità/prezzo, OnePlus 5 non è esente da difetti. I primi problemi sono sorti proprio intorno alla fotocamera: commercializzata con uno zoom ottico 2.0x, in realtà si è scoperto che arriva solo a 1.6x. Il restante 0.4x è frutto di un algoritmo elettronico, quindi con perdita, seppur minima, della qualità d’immagine.

Altra gatta da pelare per OnePlus riguarda i problemi al display. Per voler somigliare troppo ad iPhone, il pannello del OnePlus 5 è montato al contrario, generando un fastidioso effetto gelatinoso quando si effettua un cambio di direzione durante lo scrolling che non potrà mai essere aggiustato.

Insomma, OnePlus 5 è un ottimo top di gamma ad un prezzo competitivo, ma non è più il “flagship-killer” che Carl Pei, amministratore della compagnia, continua a propinarci come un mantra.

 

 

FONTE