La partnership commerciale tra Samsung e Apple diventerà, nel corso dei prossimi anni, sempre più stretta. Secondo nuove informazioni emerse questa mattina, Samsung Display, infatti, avrebbe vinto la gara per l’assegnazione della produzione di ben 60 milioni di unità di display OLED da realizzare per i futuri iPhone di nuova generazione. Il contratto con Apple farà guadagnare all’azienda coreana circa 4.3 miliardi di dollari. 

Si tratta della seconda fornitura di display che la controllata di Samsung realizzerà per i futuri smartphone di casa Apple ed, in particolare, per il futuro iPhone 8, il nuovo iPhone che segnerà una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda la gamma di dispositivi di Cupertino. Samsung Display, infatti, ha già in programma la realizzazione di ulteriori 100 milioni di unità di display OLED per il futuro iPhone 8 e per gli smartphone di nuova generazione di casa Apple.

Al momento, è importante sottolineare quest’aspetto, vi sono indiscrezioni contrastanti in merito alle tempistiche di arrivo sul mercato dei primi iPhone con display OLED. In un primo momento, infatti, i primi rumors evidenziavano, per quest’anno, la presenza di un solo smartphone con display OLED, il nuovo iPhone 8, nella gamma di Apple che comprenderebbe anche gli iPhone 7S e 7S Plus dotati di tradizionali display IPS. Secondo ultimi aggiornamenti, che potrebbero essere confermati da questi nuovi rumors legati alla produzione di Samsung Display, Apple potrebbe presentare ben tre nuovi iPhone già nella seconda parte del 2017 con display OLED. 

Leggi anche: iPhone 8 potrebbe avere un prezzo superiore ai 1000 dollari, ecco le specifiche

Di certo, la partnership tra Samsung, leader del mercato dei display OLED per smartphone, ed Apple, leader del mercato della telefonia insieme proprio all’azienda coreana, è destinata ad andare avanti per ancora molti anni con vantaggi reciproci per entrambe le aziende. Ulteriori dettagli sui piani di Apple per gli iPhone di nuova generazione potrebbero emergere già nel corso delle prossime settimane. Continuate, quindi, a seguirci per saperne di più.