Samsung Exynos 7885 e Exynos 9610: arrivano nuovi SoC a 10nm

Samsung si è attivata nella creazione di nuove piattaforme SoC basate su processo produttivo a 10nm. Quando arriveranno e quali saranno le specifiche?

Samsung Electronics prosegue i suoi lavori di produzione nel comparto semiconduttori, con particolare attenzione all’emisfero dei System-on-a-Chip che con l’avvento dei Galaxy S8 hanno portato all’implementazione delle nuove unità Exynos di nona generazione basate su processo produttivo a 10 nanometri.

Ad appena 5 mesi di distanza dal lancio ufficiale delle nuove soluzioni si apprende dell’inizio di un nuovo processo di integrazione per soluzioni a 10nm, da identificarsi con i chipset della serie Samsung Exynos 7885 ed Exynos 9610. Si tratta di soluzioni Esa-Core ed Octa-Core che andranno a popolare il panorama dei dispositivi mobile in rilascio nel corso di questo 2017 e del primo 2018.

Nello specifico, le fonti indicano un SoC Samsung Exynos 7885 provvisto di un’architettura Big.Little in configurazione Dual-Core ARM Cortex-A73 con clock frequency a 2.1GHz cui si affiancano ulteriori 4 core ARM Cortex-A53. Il processore arriverà con supporto integrato alle nuove unità grafiche GPU Mali-G71 e ai modem LTE. Molto probabilmente una versione del SoC che vedremo solo nel 2018 a bordo dei futuri dispositivi della gamma Samsung Galaxy A7 2018.Samsung Exynos SoC

Per quanto concerne il modello di punta qui identificato come Samsung Exynos 9610 si parla invece di una soluzione Octa-Core System con architettura a 64-bit e supporto Quad-Core ARM Cortex-A73 con reference clock a 2.4GHz cui si sommano ulteriori quattro core ARM Cortex-A53 da utilizzarsi nelle fasi meno impegnative di utilizzo. Per quanto riguarda il supporto grafico ed i modem si è in presenza di soluzioni identiche alle precedenti, ovvero LTE-support e Mali-G71 GPU.

Stando ai rumor, Samsung avrebbe ricevuto il privilegio di divenire il prossimo produttore di chip A12 a 7nm per il competitor diretto Apple nel 2018. Altre indiscrezioni, invece, indicano l’abbandono dei 7nm a favore di un’implementazione diretta da indirizzarsi ai 6nm previsti per i futuri device in rilascio nel 2019.

Ad ogni modo, Samsung ha già posto in atto una precisa pianificazione interna per il passaggio a breve termine alle tecnologie digitali ad alta integrazione per le proprie soluzioni SoC. Ne abbiamo parlato nello specifico in una precedente analisi, in cui si è indicato il percorso preciso per l’avvento delle soluzioni a 7nm da insediarsi il prossimo anno. Seguiteci sui nostri canali per ulteriori aggiornamenti.

FONTE


Approfondisci con: in
FONTE: