Samsung Galaxy Note 8: i primi dettagli tecnici sulla doppia fotocamera posteriore

Di giorni in giorno iniziano ad emergere sempre più dettagli in merito alle caratteristiche tecniche del futuro Samsung Galaxy Note 8, il nuovo top di gamma, evoluzione diretta dei Galaxy S8, in arrivo sul mercato nel corso del secondo semestre del 2017.

Una delle principali novità del Samsung Galaxy Note 8, rispetto ai già citati Galaxy S8, potrebbe essere rappresentata dall’inedita doppia fotocamera posteriore, una soluzione ancora inedita per Samsung ma che è già stata utilizzata da diverse altre aziende come Apple, LG e Huawei.

In queste ore, nuove indiscrezioni in rete provano ad anticipare quelle che saranno le specifiche tecniche del sistema di due sensori che andrà a comporre il comparto fotografico posteriore del nuovo Galaxy Note 8. Secondo quanto emerso in queste ore, il nuovo phablet di Samsung potrà contare su di un sensore grandangolare da 12 Megapixel e su di un secondo sensore da 13 Megapixel con zoom ottico 3x. 

Ricordiamo che Samsung ha già testato un sistema di due sensori per la camera posteriore del Samsung Galaxy S8 (in rete sono stati avvistati diversi prototipi realizzati da Samsung in questi mesi) ma, al momento, sul mercato non sono ancora arrivati smartphone Samsung con doppia fotocamera.

Secondo alcune indiscrezioni, nelle prossime settimane Samsung potrebbe presentare il suo primo smartphone con queste caratteristiche, il Galaxy C10, destinato però esclusivamente alla Cina. Da noi in Europa, quindi, il primo device Samsung a poter contare una doppia camera posteriore potrebbe essere proprio il nuovo top di gamma Samsung Galaxy Note 8.

Dal punto di vista tecnico, il nuovo Note 8 riprenderà quasi tutta la scheda tecnica del Galaxy S8+, compreso il SoC Exynos 8895 ed il nuovo Infinity Display da 18,5:9 dual edge con risoluzione QHD che potrebbe avere una diagonale da 6.3 pollici. A completare le specifiche tecniche del dispositivo ci saranno 6 GB di RAM ed almeno 64 GB di storage.

Confermato, naturalmente, il supporto all’immancabile S-Pen e la presenza del sistema operativo Android Nougat, opportunamente personalizzato per massimizzare la produttività con una nuova evoluzione della UI di Samsung.

Fonte: Sammobile


FONTE:
Approfondisci con: in
energia pulita aria inquinata

Energia pulita dall’aria inquinata: un team di ricercatori belgi è riuscito nell’impresa

Galaxy j 2017

Samsung Galaxy J5 e J7 2017: svelate le specifiche tecniche