Un report realizzato da App Brain, testata specializzata in indagini di mercato relative al mercato di telefonia, mette in evidenza i risultati di vendita del nuovo Samsung Galaxy Note 8, disponibile sul mercato internazionale da circa un mese. Lo smartphone, infatti, è arrivato nei negozi a metà settembre dopo un periodo di preordine durato circa tre settimane.

Secondo il report, il nuovo Samsung Galaxy Note 8 avrebbe raggiunto una quota di mercato pari allo 0.1% dell’intero mercato Android in Italia. Si tratta di una percentuale decisamente bassa per il nostro mercato che, nonostante la fortissima crescita di Huawei, è sempre stato terra di conquista per i top di gamma di casa Samsung, grazie anche a forti partnership tra il costruttore coreano e i vari operatori telefonici.

Il nuovo Samsung Galaxy Note 8 ha ottenuto risultati molto più convincenti in altri mercati internazionali come la Corea del Sud, dove il market share del phablet è del 1.7%, negli USA ed in Australia, dove il market share è pari all’1% del totale di smartphone Android venduti. In Italia, il nuovo Samsung Galaxy Note 8 ha ottenuto vendite inferiori rispetto a tutti i principali mercato europei. 

Samsung Galaxy Note 8

Il nuovo top di gamma di casa Samsung, infatti, presenta un market share compreso tra lo 0.6% e lo 0.2% in mercati come la Svizzera, la Norvegia, la Francia, la Germania, il Regno Unito, la Spagna e l’Olanda. I dati raccolti da App Brain sembrano, quindi, certificare un risultato al di sotto delle attese, o quanto meno al di sotto degli altri mercati europei, per il Samsung Galaxy Note 8 in Italia.

Se i dati di App Brain dovessero rivelarsi corretti, le scarse vendite del nuovo Galaxy Note 8 in Italia potrebbero comportare un calo di prezzo più veloce del terminale che potrebbe rappresentare un incentivo extra per gli utenti per effettuare l’acquisto. Ricordiamo che il nuovo Note 8 deve farei conti con il nuovo iPhone 8 Plus, uscito a distanza di pochi giorni, e con gli altri due top di gamma di casa Samsung, il Galaxy S8 e il Galaxy S8+, che presentano specifiche tecniche molto simili al Note 8, al netto dell’assenza della S-Pen, ma un prezzo di vendita decisamente inferiore.