antibiotici infezioni fungine intestino
Foto di Erika Varga da Pixabay

Gli antibiotici prescritti in ospedale possono portare infezioni fungine a causa dell’interruzione del sistema immunitario dell’intestino, secondo un nuovo studio dell’Università di Birmingham. L’uso di farmaci immunostimolanti insieme agli antibiotici potrebbe ridurre i rischi per la salute derivanti da queste infezioni complesse. La candidosi invasiva da infezione fungina è pericolosa per la vita ed è una delle principali complicanze per i pazienti a cui vengono somministrati gli antibiotici.

Le infezioni fungine possono essere più difficili da trattare rispetto alle infezioni batteriche, ma i fattori sottostanti che causano queste infezioni non sono ben compresi. Lo studio ha scoperto che gli antibiotici interrompono il sistema immunitario nell’intestino, il che significa che le infezioni fungine erano scarsamente controllate in quell’area. In maniera inaspettata dove si sono sviluppate infezioni fungine, anche i batteri intestinali sono riusciti ad uscire, portando ad un rischio aggiuntivo di infezioni batteriche.

 

Infezioni fungine, gli antibiotici possono esserne la causa

Lo studio dimostra il potenziale dei farmaci immunostimolanti, ma i ricercatori affermano anche che il loro lavoro evidenzia anche come gli antibiotici possono avere effetti aggiuntivi sui nostri corpi che influenzano il modo in cui combattiamo infezioni e malattie. Questo a sua volta sottolinea l’importanza di un’accurata gestione degli antibiotici. Il team ha utilizzato topi trattati con un cocktail di antibiotici ad ampio spettro e poi ha infettato questi animali con Candida albicans, il fungo più comune che causa la candidosi invasiva negli esseri umani. Hanno scoperto che sebbene i topi infetti avessero un aumento della mortalità, ciò era causato da un’infezione nell’intestino, piuttosto che nei reni o in altri organi.

Nella fase successiva i ricercatori hanno individuato quali parti del sistema immunitario mancavano nell’intestino dopo il trattamento con l’antibiotico, quindi le ha aggiunte nuovamente ai topi utilizzando farmaci immunostimolanti simili a quelli usati negli esseri umani. Hanno scoperto che questo approccio ha contribuito a ridurre la gravità dell’infezione fungina. Per eseguire l’esperimento il team ha studiato le cartelle cliniche degli ospedali e sono stati in grado di dimostrare che simili coinfezioni potrebbero verificarsi negli esseri umani dopo che sono stati trattati con antibiotici.

Questi risultati dimostrano le possibili conseguenze dell’uso di antibiotici in pazienti a rischio di infezioni fungine. Se limitiamo o cambiamo il modo in cui prescriviamo gli antibiotici, possiamo aiutare a ridurre il numero di persone che si ammalano gravemente a causa di queste infezioni aggiuntive, oltre ad affrontare l’enorme e crescente problema della resistenza agli antibiotici.

Foto di Erika Varga da Pixabay