demenza depressione mezza età
Foto di Silvia da Pixabay

Un recente studio ha suggerito che trattare la depressione nella mezza età potrebbe ridurre il rischio di sviluppare demenza. Come già sappiamo da studi precedenti hanno affermato che la depressione è spesso collegata allo sviluppo di malattie degenerative, come l’Alzheimer. Il nuovo studio ha esaminato circa 350.000 adulti britannici di età media di 60 anni quando è iniziata la ricerca.

La riduzione del rischio è stata osservata sia quando alle persone sono stati somministrati farmaci antidepressivi sia quando hanno avuto trattamenti del linguaggio, come la terapia cognitivo comportamentale. I risultati hanno suggerito che le persone che hanno ricevuto il trattamento, hanno avuto il 30% in meno di probabilità di sviluppare la demenza.

 

Depressione, curarla in mezza età può ridurre il rischio di demenza

Questo indica che è necessario un trattamento tempestivo della depressione tra coloro che soffrono di depressione in tarda età. Il rischio ridotto di demenza è stato osservato anche nei casi in cui i pazienti hanno continuato a sentirsi depressi. I partecipanti con un decorso crescente della depressione hanno mostrato un rischio significativamente inferiore di demenza successiva. Il recente studio ha inoltre scoperto che nel complesso una diagnosi di depressione era collegata a un aumento del 51% del rischio di demenza, rispetto agli individui che non avevano tale diagnosi.

Il legame tra depressione e demenza non è completamente compreso. Le persone che si sentono giù possono trascurare la propria salute fisica. e non riescono a prendersi cura di se stessi in altri modi. L’esercizio fisico e una buona dieta sono noti per proteggere dalla demenza. L’assunzione di un antidepressivo efficace può aumentare le possibilità di mangiare bene e di essere attivi. È possibile che la terapia possa aiutare offrendo una maggiore interazione sociale, nota per la sua protezione contro la demenza. Questi trattamenti possono anche aumentare la cosiddetta “riserva cognitiva”, la capacità del cervello di adattarsi ai cambiamenti derivanti dall’invecchiamento o da malattie.

 

Un’ampia varietà di sintomi

Si ritiene che l’apprendimento, le interazioni sociali e le attività stimolanti aumentino la riserva cognitiva. Un’altra teoria è che la depressione aumenti i livelli di steroidi e che questo danneggi la parte del cervello nota come ippocampo che è importante per la memoria. In alternativa, i cambiamenti di umore a volte possono essere un sintomo precoce della demenza stessa. La depressione colpisce le persone in modi diversi e può causare un’ampia varietà di sintomi. Vanno da sentimenti duraturi di infelicità e disperazione alla perdita di interesse per le cose che ti piacevano e al sentirsi molto in lacrime, secondo il SSN. È più che sentirsi semplicemente infelici o stufi per alcuni giorni. Il trattamento prevede cambiamenti nello stile di vita, terapie parlanti e medicine. A volte vengono prescritti anche antidepressivi.

Le persone possono anche trarre vantaggio dai cambiamenti dello stile di vita, come fare più esercizio, ridurre l’alcol, smettere di fumare e mangiare sano. Anche leggere un libro di auto-aiuto o entrare a far parte di un gruppo di supporto può essere utile.

Foto di Silvia da Pixabay