età stellare pianeti
Foto di Pexels da Pixabay

Anche le stelle, come la maggior parte di noi, sembrerebbero avere un trucco anti-età che però non possiamo comprendere: le loro famiglie. Gli astronomi hanno scoperto che la presenza del pianeta delle giuste dimensioni in orbita attorno al suo genitore abbastanza velocemente sembra rallentare il processo di invecchiamento della stella.

Se andiamo più nello specifico, un gigante gassoso in orbita ravvicinata può trasferire momento angolare alla rotazione della stella, contrastando la graduale perdita di rotazione derivante dall’effetto frenante del campo magnetico della stella. Ovviamente l’effetto che gli esopianeti hanno sulla rotazione delle loro stelle è davvero molto difficile da studiare. Se guardiamo le stelle e i pianeti, non siamo in grado di capire se la velocità di rotazione è stata influenzata dal pianeta.

 

Alcuni pianeti sono in grado di rallentare la loro età stellare

Tuttavia, molte stelle nell’Universo si trovano in sistemi a più stelle. Le stelle binarie sono generalmente gemelle stellari, nate nella stessa nebulosa, dallo stesso ammasso di polvere e gas. In quanto tali, le loro proprietà sono spesso molto simili. Hanno colore, dimensione, luminosità e, sì, rotazione simili. Per studiare più da vicino l’influenza dei pianeti sulla rotazione delle stelle, un team di scienziati hanno condotto uno studio gemello per le stelle. Hanno cercato sistemi stellari binari in cui una stella ha esopianeti in orbita e l’altra no. Hanno quindi utilizzato la stella senza pianeta come controllo per cercare i cambiamenti potenzialmente apportati dal pianeta in orbita attorno all’altra stella.

Tuttavia un solo sistema stellare non è davvero sufficiente per stabilire uno schema. Questo studio ci dà la certezza che questi gioviani caldi stanno davvero facendo agire le stelle su cui orbitano più giovani di quanto non siano. I gioviani caldi sono strani. Sono giganti gassosi, come Giove, ma restano incredibilmente vicini alle stelle che li ospitano, con periodi orbitali di giorni o addirittura ore. In quella vicinanza vengono surriscaldati dalla stella, guadagnandosi il titolo. Poiché le stelle che ruotano più velocemente mostrano una maggiore attività di raggi X rispetto alle stelle che ruotano più lentamente, sono state in grado di trovare una distinta differenza di velocità di rotazione tra le due stelle nelle loro coppie binarie.

Poiché la rotazione delle stelle rallenta gradualmente nel tempo, le stelle più giovani tendono a ruotare più velocemente delle stelle più vecchie con proprietà simili. Ciò suggerisce che i gioviani caldi sono una specie di crema antirughe per le stelle. L’interazione tra la stella e l’esopianeta si traduce in un trasferimento di rotazione dall’esopianeta alla stella che aumenta la rotazione di quest’ultima. I ricercatori hanno ipotizzato che si trattasse di marea in base all’attrazione gravitazionale tra i due corpi. Ma le forze magnetiche potrebbero svolgere un ruolo. Ulteriori indagini potrebbero aiutare a capire i dettagli più importanti. Si spera che gli studi futuri aiuteranno a scoprire più sistemi per comprendere meglio questo effetto.

Foto di Pexels da Pixabay