NASA Perseverance composti organici Marte
Foto di PIRO da Pixabay

Le analisi sulle rocce del cratere Jezero di Marte, dove il rover Perseverance della NASA è atterrato nel 2020, hanno scoperto un’interazione tra le rocce e acqua liquida. In queste rocce sono state scoperte anche prove coerenti con la presenza di composti organici. I composti organici molto spesso possono essere creati da processi non biologici, quindi non sono una prova diretta della vita.

Per determinarlo in modo definitivo, sarebbe necessaria una futura missione per riportare i campioni sulla Terra. Perseverance aveva precedentemente trovato composti organici nel delta di Jezero. I delta sono formazioni geologiche a forma di ventaglio create all’intersezione di un fiume e di un lago sul bordo del cratere. Questi delta erano una fonte davvero interessante per gli scienziati poiché possono preservare dei microrganismi.

 

Marte, il Perseverance della NASA ha scoperto composti organici nelle rocce del cratere

Si creano quando un fiume che trasporta sedimenti a grana fine entra in uno specchio d’acqua più profondo e più lento. Man mano che l’acqua del fiume si espande, rallenta bruscamente, depositando i sedimenti che trasporta e intrappolando e preservando eventuali microrganismi che possono esistere nell’acqua. Tuttavia il fondo del cratere, dove il rover è atterrato per motivi di sicurezza prima di recarsi nel delta, era più un mistero. Nei fondali dei laghi, i ricercatori si aspettavano di trovare rocce sedimentarie, perché l’acqua deposita strati dopo strati di sedimenti.

Quando il rover si è fermato i ricercatori sono rimasti sorpresi nel trovare delle rocce ignee, ossia con il magma raffreddato sulla superficie con minerali al loro interno che hanno registrato non solo processi ignei ma un contatto significativo con l’acqua. Questi minerali ovviamente richiedono all’acqua di circolare nelle rocce ignee, scavando nicchie e depositando minerali disciolti in diverse aree come vuoti e crepe. In alcuni luoghi, i dati mostrano la presenza di sostanze organiche all’interno di queste nicchie potenzialmente abitabili.

I minerali e i possibili composti organici co-localizzati sono stati scoperti da Sherloc, che posizionato sul rover è dotato di una serie di strumenti tra cui uno spettrometro che utilizza un tipo specifico di fluorescenza per cercare composti organici e vedere anche come sono distribuiti in un materiale, fornendo informazioni su come sono stati conservati in quella località. Le microscopiche capacità di imaging compositivo di SHERLOC hanno davvero spalancato la nostra capacità di decifrare l’ordine temporale di Marte ambienti del passato.

Mentre il rover rotolava verso il delta, ha prelevato diversi campioni delle rocce ignee alterate dall’acqua e li ha memorizzati nella cache per una possibile futura missione di restituzione dei campioni. I campioni dovrebbero essere riportati sulla Terra ed esaminati in laboratori con strumentazione avanzata per determinare definitivamente la presenza e il tipo di sostanze organiche e se hanno qualcosa a che fare con la vita.

Foto di PIRO da Pixabay