Un team di ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora ha scoperto che un metodo di formazione del cervello – che viene spesso utilizzato negli studi scientifici ad esso attinenti – può contribuire a migliorare la nostra memoria sul lavoro e non solo.

La memoria di lavoro è quella che usiamo nella vita quotidiana, soprattutto a scuola o sul posto di lavoro, appunto, e si riferisce alla nostra capacità di ottenere nuove informazioni e adattare di conseguenza le nostre risposte, per brevi periodi di tempo. È fondamentale per il processo di apprendimento e, quindi, non sorprende che gli scienziati stiano studiando se esistono “ricette per il successo” quando si tratta di migliorare la memoria di lavoro.

cervello

Finora, gli studi scientifici non hanno concluso definitivamente che un metodo efficace per la formazione del cervello è aumentarne le abilità cognitive. Tuttavia, gli scienziati della Johns Hopkins University hanno usato un nuovo approccio per testare l’efficacia di diversi metodi di formazione della materia grigia. E sono giunti alla scoperta, per la prima volta, che un esercizio concreto può essere migliorare significativamente la memoria di lavoro. “La gente dice che la formazione cognitiva a volte funziona, mentre per altri no. Stiamo cercando di dimostrare come sia importante quale tipo di formazione si stia facendo.Questo compito sembra mostrare i risultati più coerenti e il più grande impatto sulle prestazioni ed è che dovremmo concentrarci se vogliamo migliorare il processo di cognizione attraverso la formazione“, spiega Kara J. Blacker, a capo della ricerca universitaria.