Una nuova ricerca dell’Istituto di Tecnologia della Georgia indica che gli alti livelli di abilità intellettuale possono riflettere un’abitudine quotidiana. Prendiamo, ad esempio, l’abitudine di sognare ad occhi aperti, un’azione che spesso è associata all’essere distratti o assenti ed è generalmente percepita con disapprovazione. Per gli scienziati non è esattamente vero.

Per effettuare lo studio, pubblicato sulla rivista Science Daily, i ricercatori hanno valutato i modelli cerebrali di più di 100 individui, sottoposti a risonanza magnetica (MRI).

cervello

L’esperimento

Durante i primi 5 minuti, le persone dovevano concentrarsi su un punto fisso e stabile. Gli scienziati hanno esaminato i dati raccolti per identificare le parti del cervello che “hanno funzionato insieme in quel periodo” di tempo.

Secondo lo psicologo Christine Godwin, il test ha mostrato che i modelli cerebrali registrati in questo tipo di stato “sono legati a diverse abilità cognitive“. I ricercatori hanno confrontato i dati sul modo in cui funziona il cervello durante una pausa, con esperimenti in cui i partecipanti hanno manifestato le loro abilità intellettuali e creative. Inoltre, è stato chiesto loro di rispondere ad alcune domande.

Gli individui coinvolti hanno ammesso che, spesso, mentre sognavano avevano anche i risultati migliori nelle mansioni che stavano ricoprendo. E i loro sistemi cerebrali erano più efficienti quando sottoposti alla risonanza magnetica. “Le persone tendono a trattare un gonfiore come se fosse una cosa negativa“, ha detto il professore di psicologia associata Eric Schumacher, che ha osservato come le sue nuove informazioni dimostrino che questa teoria “non è sempre vera“. Inoltre, “le persone con un cervello efficiente avrebbero troppa capacità cerebrale per impedire che i loro pensieri vaghino” senza senso, ha aggiunto.