in

Sulla Luna ci andremo con lo smartphone: la nuova missione

Un sistema che permetta all’uomo di solcare la superficie della Luna e comunicare con la Terra con uno smartphone

L’astronauta che potrebbe vagare sulla Luna il prossimo anno potrebbe anche usare uno smartphone per chiamare a casa. Una start up tedesca si prepara a creare la prima infrastruttura di telecomunicazione sulla superficie lunare.

La società tedesca in questione si chiama Part Time Scientists, che originariamente ha gareggiato per la gara di Google Lunar X alla volta della Luna, e prevede di inviare un lander con un rover alla fine del 2018 per visitare il sito di atterraggio dell’Apollo 17. Quello, per intendersi, lanciato nel 1972. Invece di utilizzare un complesso sistema di telecomunicazione dedicato per trasmettere i dati dal rover alla Terra, l’azienda si baserà sulla tecnologia LTE – lo stesso sistema utilizzato sulla Terra per le comunicazioni di telefonia mobile.

Stiamo collaborando con Vodafone per fornire stazioni base LTE sulla Luna“, ha dichiarato Karsten Becker, responsabile dello sviluppo e dell’integrazione elettronica della società. “Quello che vogliamo fare è fornire un servizio commerciale per portare merci sulla Luna e anche fornire servizi sulla sua superficie“, ha aggiunto Becker.

Part Time Scientists ha un contratto di lancio per la fine del 2018 con Space X, come carico utile secondario sul razzo Falcon 9. Becker ha dichiarato che la società crede che sarà la prima entità privata a raggiungere la superficie della Luna, suggerendo che nessuno dei partecipanti al premio Google Lunar X sarà in grado di soddisfare la scadenza di dicembre 2017 per la competizione.

Sulla Luna con lo smartphone

Falcon 9 porterà la sonda spaziale del team Alina, nell’orbita di trasferimento geostazionario, un’orbita altamente ellittica della Terra il cui punto più alto è di 42.000 chilometri. Da lì, Alina continuerà da solo il suo viaggio alla volta della Luna. “I due rover sono essenzialmente telefoni cellulari che comunicano il nostro flusso video ad Alina, che funge da stazione di base LTE, e Alina comunicherà i dati“.

I due rovers esamineranno in dettaglio la navicella Apollo 17 per vedere cosa è accaduto nei suoi 45 anni sulla superficie lunare. “L’utilizzo del modem LTE per trasmettere i nostri dati è molto più efficiente rispetto all’utilizzo della comunicazione diretta della Terra“, ha spiegato Becker.

Il rover ottiene 90 watt di energia dal suo pannello solare. Una metà va alla sua guida, l’altra metà andrà al modem per comunicare direttamente alla Terra. “Con LTE, è significativamente inferiore“, si spiega.

Part Time Scientists non si aspetta che Alina e i rover possano sopravvivere alla notte lunare a causa delle basse temperature estreme. Tuttavia, l’esperienza acquisita durante la prima missione sarà utilizzata nelle missioni successive che mirano a creare un’infrastruttura di telecomunicazione permanente sulla superficie della luna. “Stiamo cercando di mostrare che è possibile utilizzare i più diffusi mezzi di comunicazione, ovvero la rete mobile e in particolare la rete LTE, sulla superficie della luna, per eseguire missioni“, ha detto Becker. “Stiamo cercando di fornire soluzioni economicamente vantaggiose ai problemi che si verificano in termini di costruzione del villaggio lunare“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

OnePlus 3 e 3T riceveranno Android O e poi verranno abbandonati, l'annuncio ufficiale dell'azienda

OnePlus 3 e 3T riceveranno Android O e poi verranno abbandonati, l’annuncio ufficiale dell’azienda

Cosa vedremo a IFA 2017

IFA 2017: cosa aspettarsi dalla fiera tech di Berlino