Ambrogio Twenty ZR

Ambrogio Twenty ZR è un robot rasaerba che convoglia al proprio interno tantissima tecnologia, offrendo all’utente la possibilità di godere della migliore qualità possibile, ed allo stesso tempo limitando l’impegno iniziale, poiché garantisce una facilissima installazione (adatta a tutti), e non richiede l’installazione del filo perimetrale (se non in alcuni casi). Vediamolo da vicino nella nostra recensione completa.

 

Design e Estetica

A prima vista Ambrogio Twenty ZR appare come un piccolo trattore, realizzato quasi interamente in plastica, presenta un rivestimento lucido e colorato nella parte superiore, molto bello da vedere, con paraurti opachi, perfetti per attutire gli eventuali “colpi” nelle operazioni di rasatura, e facilmente sostituibili. Nella nostra prova il prodotto ha più volte “accarezzato” un muretto al suo passaggio, rovinandosi proprio sul paraurti, come è giusto che sia, mantenendo però intatto il corpo principale. I materiali di costruzione sono eccellenti, appare sin da subito robusto e di qualità, senza scricchiolii o malfunzionamenti da segnalare.

Dimensionalmente parlando il modello è in linea con le aspettative di un robot rasaerba in grado di coprire fino a 1000 metri quadrati, infatti raggiunge 296 x 453 x 220 millimetri, con un peso che si aggira attorno ai 7,5 kg. Dato il suo utilizzo all’aperto, il prodotto è dotato di certificazione IPX5, per la resistenza agli schizzi d’acqua, oltre che di sensori pioggia; questi sono fondamentali per riconoscere l’inizio della precipitazione, inviando al robot l’input di interrompere l’eventuale operazione, tornando difatti automaticamente alla base di ricarica.

Sulla parte superiore troviamo il sistema di controllo con i pulsanti fisici necessari per il funzionamento, e due LED che individuano lo stato della batteria e lo stato generale. Il feedback aptico non è dei migliori, nonostante comunque si riesca senza troppi problemi ad inviare gli input; al centro, invece, ecco comparire un grande pulsante STOP, in colorazione rossa, da utilizzare per interrompere immediatamente qualsiasi operazione.

L’Ambrogio Twenty ZR presenta quattro ruote, di cui due motrici e due direzionali, realizzate in gomma, una scelta vincente, sopratutto per quanto riguarda le posteriori, poiché riescono ad attutire gli urti molto bene, riducendo al minimo qualsiasi vibrazione. Lo spostamento nell’area di lavoro è fluido e lineare, è relativamente maneggevole, sebbene l’assenza di quattro ruote motrici, in alcuni casi si sia fatta sentire.

Ribaltando il prodotto troviamo una lama a stella a 4 punte da 18 centimetri, giustamente protetta sui bordi da una sezione in plastica, regolabile in altezza manualmente (altezza di taglio da 25 a 70 millimetri), dipendentemente dal livello di rasatura che si vuole effettivamente ottenere.

 

Hardware e Prestazioni

Ambrogio Twenty ZR è il robot di nuova generazione, è dotato di intelligenza artificiale e radar, come i robot aspirapolvere per intenderci, che gli permettono di spostarsi liberamente nell’area di lavoro, senza l’installazione del filo perimetrale (se non in alcuni casi). Ciò rende l’esperienza molto più smart, e sopratutto semplifica notevolmente la messa in pratica, non richiedendo operazioni complesse, risultando così alla portata di ogni consumatore, anche i più inesperti. Come detto, il filo viene utilizzato prima di tutto per facilitare il rientro alla base, ma potrà essere installato anche per il raggiungimento di aree remote del vostro giardino.

Al primo avvio viene richiesta l’installazione della base di ricarica, questa deve essere posizionata sul prato, ma al coperto (nel caso è possibile comprare la copertura originale lucida, per la protezione dal sole e dalle intemperie), presenta comunque un cavo sufficientemente lungo, ed il facile posizionamento del robot. L’ingombro è minimo, con le giuste precauzioni non vi accorgerete nemmeno di averla.

I radar di rilevamento ostacoli sono posizionati nella parte anteriore, in circa 2 mesi di utilizzo possiamo ritenerci più che soddisfatti, abbiamo più volte messo alla prova l’Ambrogio Twenty ZR ed è sempre stato in grado di reagire rapidamente ad ogni ostacolo, aggirandolo e senza sbatterci. Stesso discorso per il sensore erba, che permette l’avvio della lama solo quando viene riconosciuta l’erba nella parte inferiore, il suo funzionamento è risultato privo di difetti di alcun tipo.

Il prodotto integra una batteria da 5Ah, decisamente capiente e dall’autonomia elevata, in quanto promette circa 4 ore di utilizzo continuativo, con 1000 metri quadrati di superficie effettivamente coperta. Il motore senza spazzole è tutt’altro che rumoroso, raggiunge solamente 59 dB, risultando perfetto anche ad esempio per l’utilizzo nelle ore notturne o serali.

 

Applicazione

Il robot è smart anche per la possibilità di controllo tramite l’applicazione ufficiale, compatibile con Android e iOS, ed il collegamento bluetooth. Sebbene l’interfaccia risulti essere abbastanza vecchiotta, e la riteniamo migliorabile, i menù sono organizzati molto bene, con tutte le funzioni chiare e facilmente raggiungibili da chiunque.

Tra le varie cose è possibile guidare il robot, sfruttando un comodissimo joystick a schermo, in modo eventualmente da operare in specifiche aree, scegliere le impostazioni di carica, modificare le impostazioni base del robot, verificare l’attivazione dei sensori pioggia, oppure regolare l’altezza di taglio dell’erba, ma anche modificare le impostazioni del giardino stesso.

La funzione più interessante riguarda indubbiamente la pianificazione della settimana, ovvero la possibilità di programmare attività ripetute (anche in specifiche aree, ne supporta 4 incluso il giardino principale) nel corso dei giorni delle varie settimane, permettendo così al robot di avviarsi in automatico, a patto che non piova. Non manca, infine, il changelog, ovvero la sezione dalla quale vedere tutte le variazioni di stato, con tanto di data e ora.

Se interessati, data la presenza di ZCS Connect, l’Ambrogio Twenty ZR potrà essere anche controllato tramite i più diffusi assistenti vocali, come Google Assistant, Amazon Alexa o anche Siri. I comandi vocali serviranno per ottenere informazioni sullo stato, il funzionamento, statistiche di lavoro e simili.

 

Ambrogio Twenty ZR: conclusioni

In conclusione Ambrogio Twenty ZR è il robot rasaerba definitivo, il giusto concentrato di tecnologia, che sicuramente ci saremmo aspettati di vedere nel 2022. Il prezzo di vendita, di listino di 1390 euro, lo riteniamo più che adeguato alle performance, all’attenzione nella fase costruttiva, ed anche a tutta la parte smart. L’assenza del filo perimetrale rende l’esperienza più semplice, immediata ed intuitiva, l’autonomia di 4 ore è perfetta per giardini molto grandi, con una pendenza non superiore ai 35 gradi.

L’unico aspetto negativo? forse l’assenza di quattro ruote motrici, ma sono dettagli minimi di un prodotto che è destinato a far parlare di sé per molto tempo.

Ambrogio Twenty ZR

8.2

Estetica e Design

8.5/10

Navigazione

8.5/10

Qualità taglio

8.0/10

Applicazione ufficiale

7.5/10

Batteria

8.5/10

Pros

  • Autonomia elevata
  • Design moderno
  • Materiali di qualità
  • Navigazione precisa senza filo
  • Controllabile via app

Cons

  • Interfaccia applicazione da svecchiare
  • Solo 2 ruote motrici