In realtà, non sappiamo di cosa si compone veramente la metà della materia che costituisce l’universo. Sembra un po ‘assurdo, ma è vero. La metà della materia nel cosmo è costituita di filamenti sottili di gas tra le galassie e, fino ad ora, ci erano completamente invisibili. Non esiste alcun telescopio o strumento che ci permetta di concentrarci sulla regione dello spazio tra due galassie per vedere cosa c’è.

La scienza sospettava che tra le galassie ci fossero filamenti di un tipo di atomo che forma la cosiddetta “materia bariologica“. Questi atomi “collegano” l’universo. Tuttavia, fino ad oggi, la sua esistenza è stata una pura questione di calcoli e speculazioni degli astrofisici.

Un team di ricercatori dell’Istituto Orsay di Astrofisica Spaziale in Francia e dell’Università di Edimburgo hanno saputo cogliere questo argomento per la prima volta. Per far ciò, ha fatto ricorso ad un concetto astrofisico conosciuto come effetto Sunyaev-Zel’dovich.

materia-universo

L’effetto Sunyaev-Zel’dovich

Quando la luce residua del Big Bang attraversa nuvole di gas, eccita alcuni dei suoi elettroni, creando una leggera luminosità nelle radiazioni a microonde. Questo è l’effetto Sunyaev-Zel’dovich. Nel 2015, la sonda Planck è riuscita a ricostruire una mappa della materia nell’universo grazie a questa tecnica, ma i filamenti di barioni che collegano le galassie sono troppo deboli per apparire su quell’immagine.

Ciò che gli scienziati di Orsay e di Edimburgo sono stati in grado di fare è stato sovrapporre i dati di Planck su 1.260.000 di coppie di galassie come un composito di immagini diverse che ne mostrasse una singola negativa. Entrambi i team, così facendo, non solo hanno potuto confermare che ci sono filamenti di materia, ma anche il fatto che questi sono fino a sei volte più densi di quanto si pensasse. Per la prima volta, quindi, siamo in grado di vedere la metà della materia invisibile dell’universo.