in

Un reggiseno che avverte se si sta per subire violenza sessuale

Un reggiseno che nasconde un segreto: un adesivo che rileva una possibile violenza e lancia un allarme su smartphone ad amici e parenti

Una donna su sei, negli Stati Uniti, è vittima di violenza sessuale. Globalmente, i numeri non sembrano andare molto meglio. Le persone più giovani (donne nella fascia d’età compresa tra i 18 e i 34 anni) sono anche a rischio più elevato di essere vittime di stupro (secondo il Rape, Abuse, Incest National Network – RAINN). Gli ingegneri del Massachusetts Institute of Technology hanno deciso di sovvertire queste statistiche.

Manisha Mohan lavora presso il MIT Media Lab. È specializzato in tecnologie portatili per la sicurezza. “Ritengo che l’assalto sessuale sia una malattia nella nostra società“, ha detto Mohan. E, quindi, ha deciso di cambiare il corso di quella che lui stesso considera malattia. Ha sviluppato un add-on per indumenti che può essere inserito su qualsiasi capo di abbigliamento che, se indossato, non si vorrebbe eliminare se non forzatamente. Utilizza una connessione Bluetooth per tenere traccia della posizione dell’utente quando è attivato.

La tecnologia, chiamata Intrepid, funziona in due modi: attiva e passiva. Nella fase passiva, Mohan spiega che gli utenti possono toccare il pulsante per attivare una funzione di avviso se sono consapevoli di stare in una situazione potenzialmente pericolosa.

Il sistema Active di Intrepid si basa su un adesivo che acquista informazioni sulla forza che viene utilizzata attorno all’indumento. Se l’adesivo viene forzato, invierà un messaggio allo smartphone chiedendo se abbiamo acconsentito alla violenza o ne siamo vittime. Gli utenti hanno 30 secondi per rispondere al messaggio. Una volta che questo tempo trascorre senza ottenere risposta, inizierà a ronzare emettendo un rumore forte per altri 20 secondi. Dopo questi 20 secondi, Intrepid invierà anche la posizione dell’utente ai contatti impostati in un cerchio di sicurezza predefinito. Questi sono amici o familiari dell’utente che ottengono la posizione e un avvertimento di pericolo per il loro amico.

Questa tecnologia mostra un’impressionante sofisticazione in quella che sembra essere una striscia semplice.

Questa tecnologia indossabile non è pensata solo per le donne. Anche gli uomini possono trarne vantaggio. RAINN stima che poco più del 5 per cento dei maschi universitari ha patito l’esperienza di uno stupro o di una violenza sessuale al college. Tuttavia, a causa di stigmi sociali che circondano lo stupro, le aggressioni e i crimini sessuali, la maggior parte di essi non è stata segnalata dagli uomini.

Il nostro design di abbigliamento è basato sull’input di superstiti di violenze sessuali: 338 partecipanti online, 67 volontari e 20 utenti ci hanno aiutato a capire la fattibilità del nostro sistema reale“, ha spiegato Mohan. “Gli utenti hanno valutato l’appeal dell’abbigliamento, la funzionalità, la sensibilità culturale e hanno fornito un feedback sul loro senso generale di sicurezza indossando l’abbigliamento intelligente“.

Mohan ha anche creato questo prodotto per i bambini. Questi, come anche gli anziani o disabili, potrebbero non essere in grado di premere mai il pulsante nella modalità passiva. In definitiva, Mohan ha osservato che la tecnologia ha un obiettivo cruciale e pensa di poter raggiungerlo. “Riteniamo che il nostro approccio tecnico possa contribuire a migliorare la sicurezza degli utenti e a prevenire la violenza sessuale“.

Vodafone Special 20GB: arriva la nuova offerta esclusiva riservata ai clienti

Apple investimento contenuti originali

Apple pronta ad investire 1 miliardo di dollari nella produzione di contenuti originali