tempesta-solare

In poco più di un decennio il mondo potrebbe essere immerso in una “mini glaciazione“. L’avvertimento giunge dagli scienziati, secondo i quali le temperature inizieranno a scendere nel 2021, secondo un modello matematico dell’energia magnetica del Sole.

Questo, dicono, porterà ad un fenomeno noto come “minimo di Maunder” – che è stato precedentemente conosciuto come una mini era glaciale quando colpì tra il 1646 e il 1715, causando il congelamento del Tamigi di Londra.

Lo studio afferma che tra il 2020 e il 2030 i cicli solari si annulleranno. Il modello del ciclo solare del Sole sta producendo previsioni accurate senza precedenti di irregolarità all’interno del “battito cardiaco” del Sole, che conta un lasso di tempo di 11 anni.

I ricercatori, guidati da Valentina Zharkova, docente presso la Northumbria University, si sono basati su ricerche precedenti che predicono le onde magnetiche prodotte dalla nostra stella. Tuttavia, ha avvertito che il suo modello non può essere utilizzato come prova di una mini età glaciale – in parte a causa del riscaldamento globale. “Spero che l’allarme globale sia annullato da questo effetto, dando all’umanità e alla Terra 30 anni per risolvere il nostro inquinamento“, ha dichiarato.

tempesta-solare

Il modello prevede che la coppia di onde diventi sempre più sfalsata durante un ciclo 25, che raggiungerà il picco nel 2022. Durante il ciclo 26, che copre il decennio dal 2030 al 2040, le due onde diventeranno esattamente fuori sincrono e ciò causerà una significativa riduzione dell’attività solare.

Le previsioni del modello suggeriscono che l’attività solare diminuirà del 60% nel corso degli anni ’30 del XXIV secolo fino alle condizioni osservate per l’ultima volta nella “mini glaciazione” iniziata nel 1645. Questo, dicono gli scienziati, porterà al noto fenomeno “minimo di Maunder”, noto anche come il prolungato minimo delle macchie solari, nonché il nome usato per il periodo che iniziò nel 1645 circa e continuò fino al 1715 e che produsse macchie solari estremamente rare, come notato dagli osservatori solari dell’epoca. 

Questo periodo di inattività solare corrisponde anche a un periodo climatico chiamato “Piccola era glaciale“, che in genere provoca il congelamento dei fiumi e campi ricoperti da una coltre di neve e ghiaccio per tutto l’anno, anche a quote basse. 

Ci sono prove che il Sole abbia avuto periodi simili di inattività nel passato più remoto, dice la Nasa. La connessione tra l’attività solare e il clima terrestre è un settore di ricerca continua. Ma ogni ciclo è leggermente diverso dall’altro e nessuna delle cause fino ad oggi espresse ha pienamente spiegato tali fluttuazioni. Molti fisici solari hanno ridotto la causa a una dinamo prodotta dalla convoluzione del fluido in profondità all’interno del Sole. “Nel ciclo 26, le due onde si specchiano esattamente l’una con l’altra – con un picco contemporaneo ma negli emisferi opposti del Sole”, ha affermato Zharkova. “La loro interazione sarà dirompente e si annulleranno quasi a vicenda. Prevediamo che ciò porterà a minimo di Maunder“.